Utente
buongiorno.

Sono qui a chiedervi gentilmente un consulto riguardo a mia figlia di 30 mesi.

E' nata con un metatarso varo bilaterale posizionale, correttosi nel giro di pochi mesi.

Le è stato diagnosticato in questi giorni un piede piatto bilaterale di III grado con una leggera intratorsione femorale, anche se, durante la visita, non ha smesso un secondo di dimenarsi e si è rifiutata completamente di camminare...

La bimba ha iniziato a camminare all'età di 13 mesi, cammina e corre senza alcun problema e sembra, per il momento, avere una postura corretta (almeno vista da noi "profani").

Il medico ci ha consigliato per il momento di non fare nulla e di cominciare a farle usare il plantare a partire da 3 anni di vita.

I miei quesiti sono:
1) è possibile aiutare il miglioramento del piede piatto facendola camminare scalza su terreni come erba e sabbia (a tal fine ci stiamo attrezzando...)???

2) i plantari aiutano veramente?

3) un problema come quello diagnosticato come evolve nel tempo? avrà dei problemi in futuro? e se si: quali potrebbero eventualmente essere?

ringrazio per la disponibilità e per il lavoro che viene svolto su questo sito

[#1]  
Dr. Nunzio Catena

28% attività
12% attualità
16% socialità
GENOVA (GE)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Buongiorno,
all'età della sua bimba è del tutto normale che il piede sia piatto e correttamente vi è stato consigliato di non fare nulla.
Per quanto riguarda i suoi quesiti:

1) è possibile aiutare il miglioramento del piede piatto facendola camminare scalza su terreni come erba e sabbia (a tal fine ci stiamo attrezzando...)???
Camminare scalzi su terreni accidentati può aiutare la formazione delle volte plantari

2) i plantari aiutano veramente?
I plantari sono un ausilio per la correzione del piede ma non rappresentano il metodo di risoluzione assoluto del piattismo

3) un problema come quello diagnosticato come evolve nel tempo? avrà dei problemi in futuro? e se si: quali potrebbero eventualmente essere?
qualora il piede non si correggesse potrà essere presa in considerazione intorno ai 12 anni l'eventuale correzione chirurgica per evitare che in vita adulta il piede piatto residuo possa diventare doloroso; la vostra bimba è comunque troppo piccola per parlare di evoluzioni future.

Spero di aver risposto ai vostri dubbi.
Cordiali saluti.
Dr.Nunzio Catena - nunziocatena@gmail.com
Il consulto online non può e non deve sostituire la visita medica