Utente 394XXX
Buonasera/Buongiorno, espongo il mio problema spero nella maniera più chiara possibile.

Nel 2004, giocando a calcetto ho avuto un contrasto con un altro ragazzo, io ho impattato il pallone con la punta della caviglia destra, questo mi ha causato un dolore fortissimo che mi ha fatto gonfiare la caviglia per 1 settimana durante la quale non sono neanche riuscito a poggiare il piede per terra, appena andato via il gonfiore ho effettuato una Ecotopografia (ecografia????) della caviglia stessa in cui si evidenziava una leggera lesione del legamento all'altezza del tunnel carpale (le cose che scrivo provo a ricordarle perchè in questo momento nn ho la documentazione a portata di mano) (comunque nel lato interno alla caviglia sotto il malleolo interno).

Ho smesso di fare attività sportiva per 1 anno, dopo di che ho riprovato a fare sport ma il dolore si ripresentava, allora ho cominciato a fare delle fisioterapie circa 6 mesi dopo l'infortunio... Ho avuto 6 ortopedici diversi e 2 fisiatri, il primo mi ha praticato un infiltrazione poi voleva cominciare con una strana terapia sperimentale con delle cellule staminali, il secondo ortopedico mi ha fatto fare 40 sessioni di fisioterapie (magneto, laser, tens), dopo questi due periodi il dolore non è mai diminuito ma è sempre stato presente e alternava periodi di 1/2 settimane di tranquillita' (caviglia in buono stato e senza dolori, a periodi in cui avevo dolori per tutta la caviglia anche stando fermo, allora decisi di cambiare dottore, nel frattempo ho provveduto (circa 2 anni fa) ad effettuare una risonanza magnetica, in cui non risulta alcuna alterazione della cartilagine, nè dei legamenti, il 3 medico che ho avuto mi ha fatto fare altri 2 mesi di fisioterapie (tutti i giorni sono andato a farle), in cui mi ha fatto trattamenti di laser, laser co2, tens, ionoforesi, Algonix, riabilitazione posturale sia manuale con fisioterapisti sia con la "tavoletta", durante tutti questi trattamenti il dolore è aumentato in maniera esponenziale, ed è apparso anche sotto un altra forma, da generalizzato e sparso per tutto il collo piede si è spostato "dentro" con fisse all'altezza del malleolo esterno "nella fossettina" che sul collo piede, e si è anche verificato in situazioni particolari come salire e scendere le scale.

Ho anche effettuato le analisi del sangue in cui non risulta alcuna forma di artrite.

Dopo questi periodi di nulla, ho deciso di cambiare di nuovo medico, e il nuovo ortopedico mi ha fatto fare un esame posturale in cui ha verificato che il piede destro risultava "piatto", allora mi ha fatto adottare dei plantari ortopedici con dei cuscinetti intercambiali a distanza di ogni 6 mesi, inoltre mi ha praticato una terapia per il dolore chiamata "Tecar" ma anche quella dopo 8 sedute non ha cambiato per nulla i miei dolori.

Ora mi vorrei soffermare sul tipo di dolore, io nonostante abbia fatto molto potenziamento sento la caviglia molto debole, quasi timorosa dei movimenti, e a dolori costanti all'altezza del collo piede interno e del malleolo esterno, si associano fitte, che prendono e si espandono per tutta la caviglia, queste fitte quando vengono sono insopportabili, e non sono necessariamente associate a movimenti ma pvengono anche quando il piede è a riposo più totale. L'utilizzo di creme antiinfiammatorie non ha mai cambiato di nulla i miei fastidi.

Ora io non pratico più il calcetto da 3 anni, e l'unico sport che ho fatto negli ultimi 6 mesi è andare a nuoto.

Non so più cosa fare nè dove andare sono molto disperato, perchè nessun ortopedico mi ha saputo dire io cosa avessi, c'e' chi mi ha diagnosticato una "capsulite" chi una "artrite", chi una tendinite.

Io sono con il morale veramente a terra, perchè a volte mi ritrovo verametne in condizioni pietose con le fitte che ho, e non so che fare.

aiutatemi vi prego, consigliatemi un centro un polo qualche posto dove posso andare a farmi spennare ancora un pò, perchè io in questi 4 anni ho speso più di 3 mila euro di spese senza alcun beneficio.

[#1]  
Dr. Michele Milano

48% attività
0% attualità
20% socialità
MONCALIERI (TO)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Solo per sua conoscenza: il tunnel carpale si trova nel polso e non nella tibiotarsica.
Riguardo il suo problema le consiglierei vivamente di eseguire una RMN che possa definire quella che è la sua situazione articolare. La RMN potrebbe infatti identificare sia la capsulite, come la presenza di corpi estranei articolari, nonchè la necrosi dell'astragalo.
Tanti auguri
Dr. M. Milano
drmilano@libero.it - www.lamanoedintorni.altervista.org
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente 394XXX

ecco io lo sapevo che non lo ricordavo bene.

un ortopedico voleva che io facessi la scintigrafia, lei mi consiglia la rmn?

[#3]  
Dr. Michele Milano

48% attività
0% attualità
20% socialità
MONCALIERI (TO)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
decisamente più sensibile la rmn
Dr. M. Milano
drmilano@libero.it - www.lamanoedintorni.altervista.org
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale