Utente
Buongiorno,
Mia mamma lo scorso 20 ottobre ha preso del cortisone (deltacortene 20mg) per un primo episodio d' artrosi (così diagnosticato dal medico di base), con mani leggermente gonfie e rigidità e fastidio nel momento del risveglio che andavano via via alleviandosi nell' arco della giornata.
Dopo aver assunto per dieci giorni il cortisone, ad oggi le mani sono sgonfie e nell' aspetto tornate alla normalità.
L' unica cosa che è rimasta è un leggero fastidio e impedimento in alcuni movimenti all' altezza del polso sinistro.
Prendendo l' oki al bisogno, il fastidio sparisce.
È normale avvertire ancora il fastidio al risveglio, anche dopo la cura di cortisone? Per quanto tempo può durare ancora?

Grazie in anticipo
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

certamente, se la patologia di base persiste. Il cortisone è un sintomatico, non risolve il problema alla radice.

In ogni caso, va fatta una diagnosi certa, non presunte e la deve fare lo specialista, non il medico di base, che deve limitarsi a indirizzare e guidare il paziente:

https://www.sicm.it/it/chirurghi-e-professionisti/i-soci/mappa-soci-sicm.html

Buona giornata.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale