Utente
Buongiorno, a seguito di una caduta ho riportato la frattura del IV metamero sacrale. Dal mio medico di base mi è stato prescritto un miorilassante per i dolori alla cervicale che sono comparsi e un antidolorifico a base di diclofenac. Ad oggi che son passati 6 giorni accuso ancora parecchio dolore, chiedo se è possibile che io abbia in qualche modo compromesso la guarigione svolgendo dopo il secondo giorno circa, alcune delle attività domestiche che faccio di consueto come stendere dei panni, cucinare o lavare dei piatti. Si tratta comunque di aver dedicato solo qualche ora per il resto della giornata sono stata a letto nella posizione per me più comoda visto che non me ne hanno consigliato una opportuna. Detto questo, chiedo se ci sono posizioni preferibili da adottare o se ne esistono invece alcune da evitare categoricamente, non vorrei compromettere in nessun modo la guarigione. Dopo quanto tempo è preferibile tornare a fare le cose che si fanno abitualmente tra cui la camminata e la corsa? Non sono stata visitata da un ortopedico ma ho solo eseguito l'rx che ha poi visionato il mio medico, è necessario che io veda uno specialista? Dopo quanto posso eseguire un secondo esame radiologico per vedere l'esito della guarigione? E infine, una frattura localizzata sul IV metamero sacrale può lasciare esiti negativi per affrontare un parto spontaneo e/o c'è qualcosa che io posso fare adesso per evitarli? Ringrazio per l'attenzione e il tempo dedicato nel rispondere.

[#1]  
Dr. Alessio Santoro

20% attività
4% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2018
Gentilissima se riesce mi invii le sue Rx per poterle dare delle giuste risposte. Saluti
Dr. alessio santoro