Utente
Salve Dottori, sono un ragazzo di 22 anni e ho deciso di chiedere un consulto a voi perché la risonanza magnetica alla spalla è fissata tra 2 settimane e intanto volevo provare a farmi un'idea del problema.
Tutto è nato circa 1 mese fa quando una mattina mi sono svegliato con un po' di dolore alla spalla dx, faccio palestra abbastanza frequentemente ma il dolore si è creato in giorno in cui non facevo niente.
Ho iniziato mettendo sopra l'articolazione ghiaccio e artrosilene ma niente.
Durante il giorno stavo bene e la notte invece il dolore cresceva fino alla mattina in cui era davvero forte.
Mi sono recato da un fisioterapista ma non ho nessuna limitazione di movimento né calo di forza (apparte quello fisiologico credo a tenere l'arto più tranquillo possibile).
Il discorso è che dopo un po' il dolore si è attenuato, e, senza che io sia tornato in palestra si è ripresentato con le stesse modalità.
La mattina sento come se l'omero strusciasse nella sua capsula e soprattutto quella sensazione come se l'articolazione dovesse "schioccare" ma non accade nulla.
Ecco il dolore è interno, non anteriore posteriore ecc.
So benissimo che le vostre risposte da un semplice elenco di sintomi e tra l'altro neanche così dettagliato non potranno essere troppo specifiche però tutto è ben accetto, grazie mille.
Ps: aggiungo che sento dolore quando senza muovere il braccio, muovo solo la scapola alzandola e abbassando infatti ogni tanto sento uno schiocco accompagnato da dolore.

[#1]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
Potrebbe essere una borsite subacromiale collegata ad un attrito, ma solo la visita può dire quale struttura sia interessata. Il dolore a riposo e notturno è caratteristico della spalla e può verificarsi in diverse situazioni, quindi anche questo non è dirimente. Più della risonanza, farei una visita specialistica ortopedica. Di solito in questi casi si dice di evitare lavori con arto elevato oltre il seno e lontano dal corpo che potrebbero accentuare il dolore.
Saluti
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it