Utente
Gentili Dottori il primo gennaio scorso mia moglie aprendo in malo modo una leggerissima anta della cucina riceve una fitta alla spalla sinistra (diciamo ha aperto in torsione con polso mano sinistra).
aggiungo che da un anno prima circa accusava formicolii e senso di tutto il braccio sx dormiente...comunque dopo la fitta qualche giorno di pomata sulla parte dolorante davanti e sembrava passata... settimana successiva inizia il dolore...sia se lascia braccio penzoloni sia se alza...medico ordina ecografia...Referto:Deltoide regolare.
Lievissimo versamento nella borsa subacromiondeltoidea.
La cuffia dei rotatori presenta struttura lievemente disomogenea e con spessore modicamente aumentato come da tendinopatia, inoltre si evidenzia riduzione della distanza dell acromion per sindrome da conflitto sub-acromiale con calcificazione sel diametro di 0.70 cmi.
il tendine del capo lungo del bicipite appare di regolare spessore e con lievi segni di tenosinovite...a questo punto sia il radiologo che il medico di famiglia poi consigliano onde d urto... fatte tre volte... una a settimana... il dolore aumenta senza nessun giovamento... medico ordina sospensione onde d urto (io gli faccio domandare se il dolore è solo per calcificazione o anche per altro...nota poi che può anche essere altro)...richiediamo visita ortopedico spalla specializzato... ma la visita è sospesa per via della bestia virale che si aggira maledetto... i dolori sono fortissimi... si allevia solo se metto una sciarpa legata da collo a sotto braccio piegato a 90 gradi...o giorno o notte minima contrazione scatta il dolore... (ha 50 anni con ipotiroidismo) CHIEDO un vostro parere su cosa diavolo sia... come agire provvisoriamente in attesa... quanto si può attendere e come si cura... Grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
20% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile utente, l'ecografia ha evidenziato una infiammazione con minimo versamento nella borsa sierosa a contatto con la cuffia dei rotatori. Si tratta di una struttura che svolge un ruolo di "ammortizzatore" e di facilitazione dei movimenti senza attrito. La presenza della calcificazione e la tendinopatia, unite ad un restringimento dello spazio di scorrimento tra omero e scapola (conflitto subacromiale), possono giustificare tale reazione infiammatoria. Se non ha controindicazioni al'uso di antinfiammatori, credo che un ciclo di 20 giorni di assunzione per via orale ed applicazione locale degli stessi possa attenuare di molto la sintomatologia. Ci tenga informati
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore. aggiungo che l unico antidolorifico che ha preso in 2 mesi e mezzo è stato all inizio un Brufen che ha coperto per circa un ora... poi nulla.. il medico ha sconsigliato certe bombe per lo stomaco e in attesa di visita(se mai riusciamo a farla visti i tempi e i problemi attuali) ha prescritto tre punture di Kenacort 40mg/ml una a settimana... leggo un corticosteroide sistemico.. siamo in linea? stasera facciamo la terza.. non vedo miglioramenti... in attesa di nuovo Grazie

[#3]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
20% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L'effetto del cortisone così somministrato non è generalmente rapido. Attenda qualche altro giorno e poi ci aggiorni
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi