Utente
Salve sono un ragazzo di 20 anni.
Chiedo gentilmente una spiegazione riguardo al referto effettuato a seguito di dolori e senso di forte contrattura al collo, lievi parestesie all'emivolto destro che perdurano da 3 mesi circa.
Premetto di aver fatto già 2 visite neurologiche con esito negativo e che questa situazione mi provoca una grande ansia.
Cito "minima sn deviazione del tratto in esame.
Ridotta la fisiologica lordosi con conservazione del l'allineamento dei metameri specie dei muri posteriori nella posizione indifferente.
Relativa riduzione d'ampiezza dello spazio intersomatico C6C7.
Aspetto pseudo-esostatico rivolto inferiormente dell'angolo posterò-inferiore del processo spinoso di C2.
"
Ho qualcosa di grave?

I miei sintomi sono riconducibili a questi problemi o più alla contrattura muscolare?

Questi problemi sono reversibili?

Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Chiaravalloti

24% attività
16% attualità
8% socialità
ASSISI (PG)
BASTIA UMBRA (PG)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Buongiorno, il quadro descritto dalle Rx e i sintomi possono essere riconducibili ad una disfunzione cervicale alla quale si possono associare numerosi sintomi tra gli altri, acufeni, ipo-disestesie del volto, vertigini posizionali benigne, nistagmo ed altro ancora.
La contrattura cervicale è secondaria al quadro evidenziato alle Rx, quindi in assenza di altri problemi (nevriti virali, disfunzioni tempo-madibolari, traumi) i sintomi da lei denunciati sono coerenti con l'esame strumentale.
Ne caso in cui la sintomatologia persiste approfondisca tramite RMN cervicale.
Una attenta anamnesi è necessaria per escludere altre problematiche.
Dr. Francesco Chiaravalloti

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta. Chiedo gentilmente se queste problematiche sono reversibili e a chi dovrei rivolgermi in caso affermativo.
Grazie e buona giornata.

[#3]  
Dr. Francesco Chiaravalloti

24% attività
16% attualità
8% socialità
ASSISI (PG)
BASTIA UMBRA (PG)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Buongiorno, la sintomatologia e una corretta postura sono le due cose da tenere sotto controllo per monitorare il miglioramento.
Segua una corretta dieta, attività fisica costante a basso impatto funzionale per la colonna ed evitare i sovraccarichi funzionali.
La RMN come da precedente risposta se il quadro clinico non migliora.
Successiva rivalutazione medica fisiatrica con l'ulteriore esame.
Ci faccia sapere
Dr. Francesco Chiaravalloti