Utente
Buongiorno, sono stato da un Ortopedico per un dolore all'anca destra che si presenta di più quando sto troppo tempo seduto oppure quando passeggio troppo.
Tutto è nato dopo un blocco discale che si è risolto nel giro di 3 settimane circa.
Adesso è rimasto questo dolore all'anca DX che anche quando guido mi provoca a volte anche una sciatalgia.
L'ortopedico mi ha dato da fare un'Ecografia che non gli ho potuto fare vedere per il problema del Covid19.
Gli esiti dell'ecografia é:

Lo studio ecografico della radice della coscia destra è stato eseguito con valutazione di confronto della medesima regione anatomica contro-laterale mediante scansioni ecotomografiche statiche e dinamiche coronali, sagittali, assiali e oblique.


Modica quantità di liquido endoarticolare coxofemorale,
Si segnala presenza di minima quantità di liquido a carico della borsa del grande troncantere con inspessimento bursale ipoecogeno.

Contestualmente si osservano alcune micro-calcificazioni.

Non evidenza di ulteriori raccolte liquide o calcificazioni a carico della regione anatomica in esame.

Tale reperto ecografico, é meritevole di correlazione a dato clinico-obiettivo-radiografico e rivalutazione da parte del medico curante o specialista di riferimento per proseguire l'iter diagnostico terapeutico.

Oltre l'ecografia ho fatto una RX dove è risultato:
Articolazione sacro iliaca destra nella normLieve condropatia acetabolare destra a rapporti articolari coxo femorali conservati
Esiti di trocanterite esterna destra
Nella notma i restanti reperti morfo strutturali e mineralometrici.


Secondo voi tutto questo può causare dolore forte?

Io per adesso, considerato che non mi sono potuto più far visitare dal mio Ortopedico, sto prendendo dell'Pregabalin 600mg al giorno e mi prendo delle pillole a base di clucossammine, MSM, magnese, artiglio del diavolo, gli stessi principi anche in pomata.
Son passati 5 mesi facendo così e non mantenendo troppo posizioni che mi possano portare dolore.
Le onde d'urto è la terapia migliore per questo problema?
Questa mia patologia può regredire da sola col tempo considerato che sto un pochino meglio?
Oppure bisogna intervenire per forza con qualcosa di più preciso o serio?

Grazie a tutti e cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Ibrahim Akkawi

36% attività
20% attualità
12% socialità
SASSO MARCONI (BO)
CASALECCHIO DI RENO (BO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
Buongiorno per la trocanterite io personalmente faccio inizialmente iniezioni locali di cortisone. Se non passa faccio fare delle onde d’urto. Andrebbe fatta una fisioterapia per allungare la fascia lata e rinforzare i glutei. Va ricercata una dismetria degli arti inferiori che potrebbe essere una delle cause. Saluti
Dr. Ibrahim Akkawi
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
i.akkawi@libero.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta. Con una trocanterite parzialmente curata, ci si può bloccare con la schiena?
Inoltre considerato che dovrei partire per il mare e dovrei guidare per circa 3 ore e mezza, potrei avere conseguenze? Grazie! Cordiali saluti!

[#3]  
Dr. Ibrahim Akkawi

36% attività
20% attualità
12% socialità
SASSO MARCONI (BO)
CASALECCHIO DI RENO (BO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
La trocanterite non c’entra con la schiena. Potrebbe avere le due entità insieme. Guidare per 3 ore non farebbe bene per la schiena. Il mio consiglio è di fermarsi a metà viaggio per muoversi un po’. Saluti
Dr. Ibrahim Akkawi
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
i.akkawi@libero.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora, mi scusi, un'ultima domanda, secondo lei con una trocanterite, posso lo stesso andare un po' al mare a farmi qualche giorno di vacanza? Magari prendendo degli antinfiammatori o tachipirina se ho un po' di dolore.

[#5]  
Dr. Ibrahim Akkawi

36% attività
20% attualità
12% socialità
SASSO MARCONI (BO)
CASALECCHIO DI RENO (BO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Il mare fa bene per la trocanterite ma camminare per molto tempo no soprattutto se deve salire e discese. Saluti
Dr. Ibrahim Akkawi
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
i.akkawi@libero.it

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno, sono stato dal Fisiatra e senza leggere gli esiti dell'ecografia e nemmeno quelli della RX (ha soltanto guardato l'immagine), mi ha detto subito senza dubbi che la mia non è una troncaterite all'anca destra ma è la sindrome del piriforme. Mi ha prescritto 4 cicli di tecarterapia. Sinceramente a me non mi quadra questa diagnosi, in quanto il gluteo non mi fa male, mi fa male il fianco destro, poi nell'ecografia sono risultati anche delle microcalcificazioni, la sindrome del piriforme mica fa venire delle microcalcificazioni, o sbsglio? Lei cosa ne pensa, devo fare questo ciclo di tecar per una sindrome del piriforme? Grazie

[#7]  
Dr. Ibrahim Akkawi

36% attività
20% attualità
12% socialità
SASSO MARCONI (BO)
CASALECCHIO DI RENO (BO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
La sindrome del piriforme causa dolore simile alla sciatica.
Va curata la trocanterite come descritto sopra. Saluti
Dr. Ibrahim Akkawi
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
i.akkawi@libero.it

[#8] dopo  
Utente
Grazie per la risposta tempestiva, le volevo chiedere, allora perché il Fisiatra se n'è uscito con la sindrome del piriforme e mi ha prescritto la tecar che la fanno nello stesso Ambulatorio? Dovrei farmi visitare da un altro Fisiatra? Le onde d'urto mi ha detto l'Ortopedico dello stesso ambulatorio che non le può prescrivere ma dev'essere il Fisiatra a potermele prescrivere, le risulta che un Ortopedico non possa prescrivere delle onde d'urto? Grazie e mi scusi.

[#9]  
Dr. Ibrahim Akkawi

36% attività
20% attualità
12% socialità
SASSO MARCONI (BO)
CASALECCHIO DI RENO (BO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Come ortopedico Io personalmente prescrivo e faccio le onde d’urto ai pazienti.
Dr. Ibrahim Akkawi
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
i.akkawi@libero.it