Attivo dal 2020 al 2020
Buongiorno scrivo perché dopo quattro anni da un urto sento ancora una dunetta sull'osso.
Mi ero fatto male circa 4 anni fa mentre giocavo calcio dove mentre un ragazzo correva misi la gamba davanti e mi arrivò a grande velocità con il suo ginocchio sul mio stinco.
Inizialmente mi faceva un po male e dovetti fermarmi ma dopo 5 minuti dovetti rientrare in campo e finire l partita ma con moltissima fatica.
La sera dopo la partita mi uscì una botta molto grossa sullo stinco e mi faceva male a camminare o anche solamente sfiorando la parte dolorante.
Non andai al pronto soccorso o all'ospedale perché i miei genitori mi dicevano che era solo una botta.
Il male andò avanti per 3 o 4 mesi insieme al gonfiore e pian piano diminuirono assieme.
Ma adesso dopo quattro anni ancora sento una dunetta sull'osso.
La mia domanda è: è possibile che lo stinco si fosse rotto e senza andare all'ospedale mi si è assemblato in maniera sbagliata?
O con una dunetta?

La dunetta va verso l'interno dell osso non verso l'esterno.

Cercando su internet ho trovato che potrebbero essere dei tumori ossei ma penso che non si tratti di questo anche perché la duna è proprio dove avevo preso la botta.
La duna è circa a metà dello stinco.

Chiedi per sapere cosa potrebbe essere e se è normale che dopo una botta molto forte sulla osso non curata possa esserci una dunetta sull'osso osso interessato.
o se può veramente trattarsi di un tumore.

Scusate per il disturbo e spero in una risposta.

Grazie e buona serata

[#1]  
Dr. Umberto Donati

40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
FORLI' (FC)
ZOLA PREDOSA (BO)
SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)
MONTE SAN PIETRO (BO)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Quando si prende una botta sulla testa, spesso si forma un bernoccolo, dovuto alla infiammazione del periostio, all'ematoma e alla raccolta di liquidi. Il più delle volte esso si riduce progressivamente, per scomparire nel giro di qualche settimana. Questo fenomeno avviene dove l'osso è più superficiale e dove, quindi, il fenomeno è meglio visibile: il cranio e la superficie anteriore della tibia (comunemente chiamato stinco). Se è dal tempo del trauma che ha osservato la bozza è verosimile che di questo si tratti. Certamente non si è trattato di una frattura, ed è molto probabile che, a seguito della violenta contusione, il periostio infiammato abbia prodotto una apposizione supplementare di osso. Se quella bozza è così da 4 anni, non c'è tumore osseo che non sarebbe aumentato. Se poi vuole essere più tranquillo, visto che noi non abbiamo la possibilità di valutare direttamente la bozza, faccia vedere la gamba al suo medico curante, che è il primo punto di riferimento per qualsiasi problema di salute.
Cordiali saluti.
Umberto Donati, MD
Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it