Piede piatto adulto

Buonasera, ho 40 anni e da sempre i piedi piatti, il sinistro più del destro.


Un anno e mezzo fa giocando a tennis ho avuto una distrazione al tibiale posteriore, poi risolta con riposo e, su consiglio di un chirurgo del piede, ho iniziato a usare regolarmente dei plantari ad hoc, preparati con calco in gesso, e a fare esercizi di rinforzo.


Da un paio di mesi ho qualche lieve fastidio in zona metatarsale esterna del piede sinistro, a volte un formicolio, a volte un dolorino, sempre se seduto e con scarpe indossate.
Passa subito se in piedi o camminando.
L'ortopedico dice che potrebbe essere un neuroma di Morton che non si vede ancora dall'ecografia, oppure un problema di sciatica; più difficile ma non impossibile che derivi dal piede piatto.
Nelle ultime settimane comunque sembra molto migliorato.


Ora, la mia domanda è questa: un ortopedico mi dice che prima o poi il mio piede piatto andrà operato (transfer tendineo + osteotomia calcagno), questo perché il tibiale posteriore si usura inevitabilmente anche con ortesi e insorge artrosi.
Un altro ortopedico invece dice che senza sintomi e con il mio piede più che funzionale e flessibile non serve l'operazione (molto invasiva), almeno per ora e probabilmente se ben conservato nemmeno in futuro.
Entrambi sono specialisti del piede, e capisco che le scuole di pensiero possano essere diverse... però resto col dubbio di cosa fare, e con una paura immensa dell'operazione e del pesante post operatorio.


Che idea avete a riguardo?


Grazie
F.
[#1]
Dr. Daniele Tradati Ortopedico 590 164
Gentile utente,
Le diverse scuole di pensiero esistono anche e soprattutto in chirurgia, l'opzione chirurgica diciamo che potrebbe essere tenuta in considerazione se lei avesse un piede piatto sintomatico in maniera rilevante oppure con una deformità molto pronunciata. È vero che l'intervento è abbastanza invasivo e non scevro da possibili complicanze, di conseguenza potrebbe essere meglio apprezzato da pazienti che partono con delle situazioni cliniche più importanti o
piùsintomatici.

Migliori saluti
Dr. D.Tradati

Regalami un minuto del tuo tempo come io ho fatto con te, valuta la qualità della riposta lasciando una recensione.Il modo migliore per dire grazie

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la celere risposta.

Quindi non è un assioma che un piede anche molto piatto va incontro ad artrosi e quindi per prevenire va operato?
Nella vostra esperienza c'è si porta i piedi piatti nella tomba senza troppi problemi?

Grazie
[#3]
Dr. Daniele Tradati Ortopedico 590 164
L'assioma non c'è, diciamo che più il piede è piatto più avrà maggior probabilità di andare incontro a fenomeni degenerativi. Un piede piatto di lieve entità probabilmente darà un po' di fastidio in età avanzata, ma difficilmente richiederà un intervento chirurgico importante

Regalami un minuto del tuo tempo come io ho fatto con te, valuta la qualità della riposta lasciando una recensione.Il modo migliore per dire grazie

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa