Utente
Gentili Dottori,
Ho 52 anni è sono stato già operato di ernia del disco da circa 20 anni.Oggi dopo tanti anni che non accusavo più quei dolori che per me erano già dimenticati,ho dovuto riprendere le cure perchè da cica un mese ho avuto mal di schiena e dolore alla gamba sx.Dopo un mese di cure con antinfiammatori e cortisonici sto un pò meglio ma la gamba continua a pizzicarmi.
So che oltre all'inteervento chirurgico classico vi sono delle terapie percutanee/mininvasive alle quali ricorrerei volentieri.Mi piacerebbe sapere se il mio caso di ernia discale potrebbe esssre risolto con una di queste ultime.Qui di seguito riporto i risultati di una tac recente(Aprile 2009)
Esame eseguito in basale con scanzioni di 2mm finalizzate allo studio dei dischi intersomatici tra l3-S1.
L3-L4 nei limiti
L4-L5 nei limiti
L5-S1:presenza di ernia paramediana sinistra,con impegni intraforaminali.Concomita ostefita posero-laterale sinistro,che protrude nello spazio del forame di coniugazione omolaterale.
Esiti di laminectomia destra con ablazione del ligamento giallo.
Conservato il calibro dello spazio vertebrale.

Grazie per il vostro tempo dedicato.

[#1]  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Gentile signore
la valutazione dell'indicazione all'intervento e' solo clinica. In poche parole indipendentemente dalla presenza dell'ernia, se la radice interessata dimostra un recupero funzionale soddisfacente, non si ravvisa un'indicazione chirurgica.
Solo in caso di evoluzione sfavorevole si prendera' in considerazione l'intervento che potra' essere piu' o meno invasivo a secondo delle caratteristiche anatomopatologiche dell'ernia. Ma questa discussione si puo' fare solo dopo una visita e con gli esami davanti all'esaminatore.
Cordialita'
Dr.A.Valassina
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la sua disponibilità e per la sua risposta esaudiente.
Avevo dimenticato di dire che devo iniziare un ciclo di infiltrazioni che in termine tecnico mi hanno spiegato si chiama terapia del dolore.
E' consigliabile?
Con questa terapia mininvasiva può regredire l'ernia?
L'ernia del disco può rientrare nella sua sede naturale spontaneamente?
Posso continuare gli sport che sino ad un mese fà praticavo(podista)(mbk)?
Considerato che ho anche un piccolo appezzamento di terreno posso svolgere i lavori che generamente si fanno?


Grazie per la sua dosponibilità.