Utente 268XXX
buongiorno,
ho 33 anni, operata a 6 di asportazione tonsille e adenoidi.
Il problema è questo: dopo i miei due parti ravvicinati (ultimo a marzo 2006) ho la sensazione di perenne naso chiuso (come se fosse stretto, se allargo con le mani o uso cerottino tutto perfetto). Questo mi dà parecchi problemi e fastidi perché respiro SEMPRE con la bocca aperta e quindi le mucose si seccano. La mattina ho labbra secche, bocca asciuttissima e anche occhi.
Anche la faringe ne risente perché spesso è un po’ irritata, ma leggermente. Mi sono sempre trascurata. Da un mese a questa parte poi ho catarro nelle orecchie (che scrocchiano sempre) e sensazione sgradevolissima di continuo muco che scende dal naso alla gola, lo vedo proprio che scende, soprattutto la mattina. Faccio sempre lo sforzo per mandarlo giù e a lungo andare mi irrito anche la gola a forza di fare quel movimento. Il mio medico asl per catarro mi aveva dato solo aerosol 10 gg con clenil/sobrepin ma non ho miglioramenti. Allora mi ha mandato dall’otorino, oggi ci sono stata.
Ha guardato il naso, ha notato solo mucose un po’ piu’ spesse,ma niente di chè…ha escluso polipi, che era la cosa che più mi preoccupava, ha guardato il naso e dice che ad occhio non ci sono deviazioni del setto, nelle orecchie dice che il catarro non è molto, poi ha guardato la gola e mi ha visto anche lui il muco giallino che scendeva e un po’ di faringite che attribuisce al fatto che la notte si seccano le mucose e al fatto che ingoio in continuazione catarro.

mi ha dato una cura in due fasi:

-10 gg
spray locabiotal
cremina cortison chemicetina nel naso la notte

poi alla fine per 20 gg spruzzare nasonex spray

ora...sono andata in farmacia, ho comprato la cortison-chemicetina ma ho letto che è un unguento oftalmico!!! la farmacista era perplessa, dice che secondo lei non si usa nel naso...non so che pensare. Comunque mi è parso un po’ superficiale, leggo qui on line per problemi simili al mio di analisi antiallergiche, tac e quant’altro, a me questo non ha detto nulla…non mi ha neanche visitato con quell’aggeggio a fibre ottiche che si mette nel naso, ma ha solo guardato bene allargando le narici….mi è sembrato superficiale…voi che ne pensate? soprattutto mi preme sapere....se ci fossero stati polipi li avrebbe visti durante la visita? sono un po' preoccupata....magari dovrei fare qualche ulteriore accertamento? lui mi ha detto categorico ...no polipi proprio no...assolutamente, ma come fa a dirlo se non ho fatto rinoscopia o altro? ha solo allargato le narici con uno strumento e guardato a occhio....
Grazie

[#1]  
Dr. Lucio Rizzi

24% attività
0% attualità
0% socialità
LEGNANO (MI)
BERGAMO (BG)
BUSTO ARSIZIO (VA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Gentile Utente, l'esame che le è stato fatto è quello di una normale visita otorinoalrignoiatrica mediante la quale si possono escludere buona parte delle patologie del distretto aero-digestivo superiore. Per escludere con certezza una poliposi nasale e una patologia a carico del rinofaringe andrebbe fatta una endoscopia nasale a fibre ottiche (eventualmenti integrati da TC massiccio facciale senza mezzo di contrasto se dubbio di rinosinusite). Per escludere con certezza la presenza di catarro nelle orecchie (versamento endotimpanico) andrebbe eseguito un esame audioimpedenzometrico. Le consiglio di sottoporsi a questi esami per poi intraprendere la etrapia più adeguata. Cordialmente