Utente
Buongiorno,
ho 39 anni.
Soffro di esofagite da reflusso diagnosticatami nel 1997.
Mi è sempre stata trattata con i vari farmaci omeprazolo,pantoprazoloecc.
Ho sempre controllato annualmente con esame endoscopico.
Lultima esofagogastroduodenoscopia l'ho eseguita il 22/03/2008 con esito:
esofago nella norma,
presenza di ernia iatale da scivolamento di piccole dimensioni(2cm)
stomaco rivestito da mucosa rosea, liscia con un normale disegno vasale sottostante
CP test negativo
pliche normodistensibile, peristalsi valida
Piloro pervio, bulbo e D2 nella norma.
Per la sintomatologia faccio una terapia con LUCEN da 20, come terapia di mantenimento; mentre nei periodi critici LUCEN da 40 + gaviscon+ peridon.

Da l'ottobre scorso ho dei sintomi diversi: sensazione di corpo estraneo in gola, necessità di deglutire continuamente ecc...
Ho fatto una visita specialistica da un otorinolaringoiatra, che mi ha fatto un esame inserendo una piccola sonda con telecamera dal naso.
con risultato :
assenza di secrezioni patologiche naso-sinusali e assenza di post-nasal drip.
Laringite posteriore da verosimile reflusso gastro-esofageo
assenza di polipi o altre neoformazioni
Faringite cronica.
Mi ha consigliato di prendere il Lucen da 40 mattino e sera.

RISULTATO:
Per 10 giorni circa non ho notato miglioramento, poi ho cominciato a stare meglio per circa una settimana e poi ora sono al punto di partenza.
Devo riconoscere che al mattino sto un po meglio, poi durante la giornata il problema aumenta.

Mi sto preoccupando, perchè ho letto che infiammazioni croniche della laringe e delle corde vocali possono portare a problemi molto spiacevoli.
Sono una persona molto ansiosa.
Chiedo consigli, devo fare altri esami?
Posso stare tranquillo?
La prego di aiutarmi..
grazie

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, non necessita di altri accertamenti: la natura della patologia è nota. L'unico che puo' darle un valido aiuto è il Gastroenterologo. La terapia che sta facendo è valida. Se segue costantemente la terapia prescritta e si sottopone ai vari controlli programmati, stia certo che non ci saranno complicanze. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
***ATTENZIONE!***
Questo consulto risulta aggiornato a più di DUE MESI fa:
valuta attentamente se la tua risposta può ancora essere utile all'utente!

Se ritieni opportuno inviare comunque il tuo consulto all'utente allora CANCELLA TUTTO QUESTO AVVISO e scrivi qui di seguito, grazie.

[#3] dopo  
Utente
buongiorno, mi deve scusare ma sono disperato.
come da lei consigliato sono stato dal gastroenterologo che mi ha dato alcuni consigli.
purtroppo ancora oggi non ho trovato giovamento, anzi forse per l'ansia che aumenta ma stò ancora peggio, adesso si è aggiunto un nuovo sintomo, ho la senzazione di dover vomitare. e questa senzazione ce l'ho da pochi giorni. dovrei fare degli eami? quali?
la prego di aiutarmi sono molto depresso e impaurito
grazie

[#4]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi sarebbe utile conoscere i consigli che le sono stati dati dal Gastroenterologo. Certo, uno stato ansioso puo' amplificare i sintomi della patologia a carico del distretto gastro-esofageo. Certo, non conoscendo personalmente il suo caso, mi rimane difficile aiutarla. Forse, sarebbe utile anche un consulto neurologico.
Dr. Raffaello Brunori