Utente 725XXX
Gentilmente...
Vorrei chiedere la motivazione di un sintomo.

Da 30 ore mi sento l'orecchio dx come gonfio e con fischio continuo.

Il mio medico per telefono mi ha consigliato sì mettere del cotone e basta.
Ma questo fischio fisso, continuo mi sta procurando forte ansia e mal di testa oltre a nervoso.
Non riesco a dormire e a fare nulla con questo fischio acuto nell'orecchio.

Grazie

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mettere del cotone nell'orecchio non ha senso, anche perché potrebbe trattarsi di una otite esterna che deve essere necessariamente curata e presto. Consiglio, pertanto, di farsi visitare da uno Specialista, magari rivolgendosi ad un Pronto soccorso, tenendo presente che oggi è sabato.
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente 725XXX

La ringrazio;
Sono appena tornata dal Ps, dove mi hanno fatto degli esami ematici dove hanno riscontrato una forte denutrizione e battito accelerato. Glicemia altissima a digiuno ( 296) erano tre giorni che andavo avanti a tè caldo. Mi hanno "costretto" a mangiare qualcosa ( sto avendo problemi a mangiare da che il cibo non passa dallo stomaco sleevato x due volte). dopo mangiato, mi hanno rifatto due volte l'esame glicemico, e il valore dopo 10 minuti è passato da 296 a 210 e 30 minuti dopo a 155.
In questo lasso ho avuto tachicardia, capogiri, dolori gastrici e debolezza e sbalzi di umore e nervoso incontrollato. Ed il fischio è sparito.
Nessuna otite. Zero cerume.

Sono stata dimessa con richiesta di gastroscopia per lingua in risalita esofago esofago barret-
E visita nutrizionista per valori sotto soglia di Ferro, potassio, calcio, magnesio...
Non so altro.

la ringrazio per la gentile risposta. Grazie di cuore.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sono contento che si sia trovata la causa del sintomo. Ora necessita la sua collaborazione, sottoponendosi agli accertamenti prescritti e, mi raccomando, riprenda ad alimentarsi correttamente!
Un caro saluto ed augurio
Dr. Raffaello Brunori