Utente
Buonasera,
Ho 34 anni, non fumo, bevo saltuariamente e poco e non ho mai sofferto di tonsilliti.

Ho le tonsille criptiche ma non mi hanno mai dato particolari problemi.

Tutto inizia circa 3 settimane fa, in piena pandemia di Covid 19.

Inizio a sentire un fastidio alla deglutizione solo da una parte e pensando fosse un banale mal di gola assumo degli antinfiammatori, che però non risolvono il problema.

Mi guardo e vedo che una tonsilla era ricoperta da materiale bianco caseoso e contatto la guardia medica (era sabato sera) che telefonicamente mi prescrive Cefixoral 5 giorni e propoli.
Il materiale biancastro sparisce ma permane secchezza delle fauci e fastidio alla gola.
Mi reco dal mio medico curante che mi guarda la gola e palpa il collo, dicendo che non era molto rossa ma ha notato una lieve ipertrofia monolaterale pertanto mi prescrive Decadron 2 volte al giorno per 3 giorni.

Oggi ho terminato la cura, il fastidio è quasi assente, ritorna soprattutto al risveglio e mi da percezione di sentire la tonsilla.
Premetto che non è arrossata ma continua ad essere gonfia rispetto all’altra.
Inoltre quando ho spruzzato uno spray per alleviare il fastidio ha colpito i capillari procurando sanguinamento alla tonsilla.
Ho sciacquato con collutorio antisettico e il sangue si è fermato ma sono rimasti dei puntini di cicatrizzazione.

Purtroppo sono una persona molto ansiosa e ipocondriaca e in questo periodo di forte stress dovuto alla quarantena e di limitazioni sanitarie non so come muovermi.
Leggo su internet che la presenza di una tonsilla ipertrofica può essere anche un tumore.

È opportuno che mi rivolga ad un otorinolaringoiatra?
Mi devo preoccupare?

Non ho febbre e il medico di base alla palpazione del collo non mi ha detto nienhe.


Grazie mille

[#1]  
Dr. Antonio Trichini

24% attività
16% attualità
16% socialità
CARPI (MO)
BOLOGNA (BO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2005
Buongiorno, in base a ciò che ha scritto il consiglio naturalmente è quello di sottoporsi ad una visita ORL con fibroscopia per controllare lo stato delle sue tonsille. Dopo un episodio infiammatorio, può accadere che una tonsilla rimanga più o meno ipertrofica, ma prima di pensare a situazioni estreme è opportuno farsi vedere da uno specialista per controllare l’entità delle cripte presenti, l’eventuale presenza di tonsilloliti interni e scongiurare altre problematiche
Dr. Antonio Trichini

[#2] dopo  
Utente
Buonasera, la ringrazio. Dopo la cura cortisonica la tonsilla si è sfiammata.