Utente
Buonasera, premetto di dire i primi episodi si riferiscono a circa 9 anni fa quando avevo 14 anni, per più volte ho avvertito senso di instabilità e sono stato più volte da uno specialista.
Mi sono state praticate diverse manovre e il problema restava, fatta RM cranio e test audiometrico tutto perfetto.
Da lì la cosa è quasi sparita, se non rimanendo quando faccio movimenti con la testa particolari (ad esempio muovendo la testa su e giù).
Ma veniamo ad oggi, esattamente dieci giorni fa mi sveglio una mattina con forti capogiri che si calmano dopo poco e per tutto il resto della giornata ho forte mancanza di equilibrio ma senza giramenti troppo forti, la cosa é andata avanti così per due tre giorni.
Come uno stupido sono andato a vedere delle manovre da fare e ci ho provato e sembrava che la cosa si stesse attenuando fino a quando dopo due o tre giorni dall’inizio dei sintomi il pomeriggio comincio a sentire un fortissimo senso di instabilità, sento le gambe molto deboli provo ad alzarmi e dopo un minutino che ero in piedi (Senza nessun movimento brusco) mi comincia a girare tutto in maniera impressionante facendomi restare per terra.
Vado al Pronto soccorso, trovo uno specialista, mi pratica manovra di Semont dicendo che ho un nistagmo tipico dovuto alla presenza di otoliti CSP sinistro, effettua manovra con comparsa di nistagmo liberatorio.
Mi prescrive arlevertan per 10gg e mi dice di tornare due giorni dopo per controllo.
La mattina dopo mi sveglio a pezzi, senza giramenti forti ma con grande senso di nausea e mancanza di equilibrio.
Al controllo al PS trovo un altro specialista che prova con dei movimenti ma dice che non si ha presenza di nistagmo e che quindi sono in via di guarigione.
I giorni passano ma la sensazione non si placa, nausea senza vomito e forte senso di mancanza di equilibrio come fossi in navigazione.
Dopo qualche giorno decido di andare da un altro otorino in privato, mi fa tutte le prove e dice la stessa cosa: non ci sono più segni di presenza di otoliti e per sicurezza mi pratica manovra di eplay nel caso fosse rimasto qualcosa, addirittura mi dice che l’arlevertan posso anche sospenderlo dopo pochi giorni.
Adesso sono passati 5 giorni dalla visita ma ancora continua questa sensazione, senza giri repentini ma constantemente in mancanza di equilibrio.
Sono esasperato, non so più cosa fare.
Ho sentito il medico di base che mi ha detto di iniziare domani con il cortisone, sembra di stare su una altalena un giorno peggio e un giorno meglio e ho come la sensazione di avere la testa nel pallone.
La mia domanda é sono davvero in fase di guarigione?
É normale avere queste sensazione ancora una settimana dopo le manovre?
Quanto può durare?
Potrebbe essere cervicale visto che ho anche dolore al collo?
Sono stremato da questa situazione e essendo anche un soggetto ansioso ho il terrore mi si possa ripresentare un crisi vertiginosa forte come una settimana fa, é possibile che possa ripresentarsi nonostante dalle manovre non risulti?

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Spesso, occorrono piu' manovre per ottenere la completa guarigione. Cio' ch riferisci, purtroppo accade molto spesso, ovvero che, malgrado la manovra, il sintomo persista anche se in maniera sfumata. Sicuramente, la cervicale non procura tale sintomatologia. Prenderei un cambio di terapia farmacologica e farei anche un ciclo di terapia riabilitativa posturale.
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta Dottore, in settimana avrò un altro appuntamento con lo specialista. Giorni dopo la prima manovra mi era stata effettuata un’altra manovra ma a quanto diceva il Dottore non c’era più presenza di otoliti e nistagmo ed effettivamente mentre la faceva non girava tutto come la prima volta. Le chiedo è possibile sia Sindrome di Meniere? Vivo ormai con l’ansia da 8 giorni di avere un altro attacco improvviso e ho letto che nella Sindrome è possibile. Anche se mi sembra un po’ strano nel momento in cui la prima crisi è durata relativamente poco (3/4 minuti) e durante la manovra di Semont quei movimenti precisi mi davano vertigini fortissime, però mi preoccupa il fatto che non stavo facendo nessun movimento quando si e scatenata quindi non capisco come questi sassolini si siano mossi così da soli e prima della crisi ho sentito come un senso di ovattazione, non proprio tappo. Il senso di ovattazione continua così come il cerchio alla testa. Gli unici episodi che mi possono venire in mente sono un’incidente che ho fatto un mese prima ( ho tamponato io ) e aver dormito il giorno prima della comparsa dei sintomi con l’aria condizionata molto alta. Possono incidere queste cose?

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
I sintomi sofferti non sono espressione della sindrome di meniere. Io rimango sempre dell'idea che si tratti di una vertigine posizionale benigna. Per scrupolo, puoi sentire sempre il parere di un altro Specialista, ovviamente.Non vedo l'aria condizionata quale causa della vertigine
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Grazie della risposta Dottore. Con i due specialisti del pronto soccorso e quello privato mi sono rivolto ormai a 3 specialisti. Vorrei solo capire se è normale questo senso di mancanza di equilibrio e cerchio alla testa dopo 8 giorni dalla prima manovra e dopo 5 giorni dalla seconda e dopo 8 giorni di arlevertan, perché ho letto che moltissime persone dopo la manovra stanno bene. Non vorrei dovermi rivolgere a specialisti fuori provincia se poi davvero passerà da sola e mi sto solo suggestionando, quello che vorrei evitare è un’altra forte crisi.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Cio' che provi, ripeto, puo' considerarsi normale per la patologia in questione. Un aiuto farmacologico ed una terapia riabilitativa posturale possono accelerare la guarigione
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Grazie ancora della risposta. Con aiuto farmacologico cosa intende? Sono consapevole che senza visita è difficile e che non può prescrivere farmaci, ma sarei molto curioso anche in caso per parlarne con lo specialista alla prossima visita. Il primo medico mi ha dato Vertiserc, poi tolto dal secondo dicendo di non essere adeguato sostituendolo quindi con Arlevertan e addirittura il terzo mi ha detto È una malattia meccanica non ha bisogno di farmaci

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ogni Medico, nel rispetto delle linee guida, con il proprio bagaglio professionale, adotta terapie che possano giovare al Paziente. I farmaci menzionati sono validi ma, ovviamente, ce ne sono altri che possono essere utilizzati.
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Grazie ancora per la sua risposta, ma non so come venirne a capo. Gli specialisti a cui mi sono rivolto mi hanno dato queste terapie, ho fatto presente che non hanno avuto esito positivo ma non mi è stato consigliato altro. Sono veramente esasperato, non sto trovando aiuto in nulla.

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ti comprendo perfettamente ma, come puoi capire, il mio aiuto si basa su quello che riporti, senza un riscontro clinico,e cio' mi comporta dei limiti nel volerti aiutare.
Dr. Raffaello Brunori

[#10]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, nell'ambito della terapia riabilitativa posturale indicata dal Dr Brunori , le suggerirei di non trascurare il ruolo che su una scorretta postura può eseercitare una malposizione mandibolare, specie in presenza di vertigini e cervicalgia.
Sul problema delle vertigini che non trovano soluzione negli ambiti specialistici di pertinenza ho spesso risposto a pazienti che hanno questo problema. Per non ripetermi, le suggerirei di leggere la mia risposta a questo quesito:
https://www.medicitalia.it/consulti/otorinolaringoiatria/666833-vertigini-frequenti.html
Può essere utile avere qualche notizia in più su questi argomenti visitando il mio sito internet alla pagina Patologie trattate- Patologie dell’Orecchio e, leggendo l'articolo linkato qui sotto. Eventualmente, se si riconosce nella problematica illustrata, mi faccia sapere.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-vertigine-pertinenza-odontoiatrica.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-nel-sonno-e-disfunzioni-cranio-mandibolo-vertebrali.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com