Utente
Buonasera dottori sono qui per un vostro parere in merito al mio ultimo episodio di pneumotorace spontaneo.

Premetto che è la seconda volta la prima fu a sinistra adesso destra entrambi operati con apicectomia e pleurosclerosi con talco.

La degenza è andata bene dopo 3 giorni rimozione drenaggio e a casa adesso va tutto bene ho solo due fastidi.

Il primo è una sensazione alla pelle del petto di bruciore ipersensibilità e come se qualcuno lmi tenesse un dito premuto nella parte operata.

La seconda è una dispnea presentatosi da pochi giorni che non so se sia collegata a questo fatto o all ansia problema che a periodi mi affligge.

Volevo sapere inoltre se possa ripresentarsi di nuovo uno pneumotorace e se possi riprendere la vita normale in particolare volevo sapere se si può andare ad alte altitudini

[#1]  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Statisticamente il pneumotorace spontaneo solitamente riguarda soggetti maschi alti e magri in età adolescenziale perché i polmoni sono più stretti e lunghi e agli apici polmonari si determina una pressione pleurica negativa più alta che attira il parenchima polmonare, come tirandolo verso la parete del torace, rendendolo così più fragile, con possibile formazione di bolle che sotto tensione appunto per la pressione negativa, a volte possono rompersi e dare il pneumotorace. Tutto questo per spiegare che pressione atmosferica più bassa ad alte quote potrebbe peggiorare la situazione. Se le è già successo due volte, le consiglio un contatto diretto con un chirurgo toracico che possa aiutarla all'emergenza e soprattutto per un tipo di prevenzione.
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo