Attivo dal 2007 al 2007
Vi chiedo cortesemente: cancellatemi voi stessi dal sito perché non sono più in grado di ragionare, e se non mi cancellerete finirà che scriverò ancora per un altro consulto.

Premetto che se abbitassi da solo in un’altra città non ci sarei nemmeno andato dalla psicologa, e se ci fossi andato, dopo il primo incontro non ci sarei più tornato perché la psicologa oltre ad INCOLPARMI ha fatto una serie di “responsi” ai quali io, da dentro me stesso, ero e sono completamente in disaccordo.

Se la psicologa mi avesse spiegato i perché delle sue affermazioni ed i perché del mio disaccordo, probabilmente avrei “accettato” molto più facilmente e fiducioso la terapia, ma lei si è solo limitata a dire:
le cose stanno e sono così, punto;
alle mie “contestazioni” nessun perché e nessuna spiegazione “psicologica” !!

Voi allora mi domanderete: che ci stai andando ancora a fare da questa psicologa ?
Risposta: perché quando ho spiegato loro sommariamente la situazione, i miei genitori, mio fratello e mia sorella (naturalmente in buona fede e secondo loro per il mio bene) mi hanno ugualmente esortato a continuare, ed io, poiché pazzo, per orgoglio e per ripicca, siccome non mi hanno capito e come al solito pensano che sono in errore, anche se sentivo che questa psicologa mi avrebbe ridotto a quello che ora sono, cioè uno straccio molto nervoso, ho continuato.

Ecco allora la domanda alla quale non so rispondermi:

- sto diventando pazzo o lo sono già ? visto che non riesco più a pensare, a concentrarmi e l’ unica cosa che da giorni provo è soltanto una forte rabbia che dopo ogni seduta psicologica aumenta sempre più.

Faccio presente che per scrivere queste poche righe ho impiegato tantissimo tempo e tanta fatica.

ps: ogni volta che vado dalla psicologa mi sento violentemente violentato psicologicamente da Lei perché secondo me non ha capito un tubo della mia persona e dei miei reali problemi; è normale che in psicoterapia si debbano attraversare momenti simili ?
Se chiedo spiegazioni psicologiche non me li dà; non me li dà !!!!!!!!!!!
Si limita a dire: hai fiducia in me ?
Io prima gli rispondevo che forse in lei si ma nel metodo che ha adottato per “aiutarmi” assolutamente no !!!!!!!!!!

[#1]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
credo che sia leggittimo per ogni persona avere la opportunità di scegliere ciò che meglio crede: pertanto anche (e forse soprattutto) nell'ambito delle problematiche di carattere psicologico-mentale è necessario affidarsi ad uno specialista per il quali si provi fiducia.
Le consiglio di effettuare un'altra consulenza presso un altro professionista al fine di trovare chi è per lei meritevole di fiducia.

Cordialmente.


Stefano Garbolino
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#2]  
Dr. Daniel Bulla

52% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
certo che per essere un pazzo lei si esprime molto bene via mail!

In realtà Lei riflette l'immaginario collettivo che nei confronti di tutto ciò che è emotivo e psicologico si schiera, del tipo "o sei sano o sei pazzo", e ovviamente per timore di trovarsi di fronte ad uno specialista psi- e sentirsi quindi "pazzi" molte persone se ne stanno a casa a soffrire in modo disumano per anni.

Per quanto la riguarda, certamente il lavoro psicologico non è una passeggiata, e può a volte far scaturire emozioni molto violente e fastidiose.

Però a volte, non ogni volta!

Se i suoi genitori sono preoccupati che Lei si curi non credo che provando con un altro psicoterapeuta lei possa sconvolgerli

Provi con uno/a specialista cognitivo-comportamentale: in questo approccio infatti la "psicoeducazione" (= ti spiego cosa stiamo facendo e dove stiamo andando) è una componente fondamentale di tutto il trattamento

Cordialmente

Daniel Bulla

dbulla@libero.it

Cordialmente

Daniel Bulla