Utente
Gentili Dottori,

ho letto qualche risposta a casi simili al mio di persone in cura con gli SSRIe con problemi relativi alla sfera sessuale.
Il mio problema è già citato nell'oggetto ma vorrei sapere quali sono le reali alternative (nomi dei farmaci o principi attivi) che possano sostituire la paroxetina.
Grazie

[#1]  
Dr. Vito Fabio Paternò

28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
CATANIA (CT)
PALERMO (PA)
MESSINA (ME)
CALTANISSETTA (CL)
COSENZA (CS)
RAGUSA (RG)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
questo effetto collaterale è molto personale, per cui è possibile che cambiando antidepressivo lei non riscontri più questo problema.
Purtroppo in questa sede non possiamo consigliare nessuna molecola nè nomi commerciali.
Chieda consiglio al suo Psichiatra.
Cordialmente
Dott. Vito Fabio Paternò

www.cesidea.it

[#2] dopo  
Utente
nemmeno tramite messaggio privato? Ho sentito parlare della Velnafaxina. Lei cosa ne pensa?

[#3]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gntile utente,
fornire prescrizioni senza visitare (e in questo caso senza neanche conoscere) il paziente è un reato, sia sul forum in pubblico che tramite messaggi privati. Ad ogni modo, se desisera ulteriori informazioni sugli effetti sessuali degli antidepressivi può leggere questo breve articol informativo:
https://www.medicitalia.it/minforma/psichiatria/219-effetti-sessuali-degli-antidepressivi.html

Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#4]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

tenga presente che le strategie di superamento della collateralità sessuale passano non solo dal cambio di molecola ma anche attraverso "vacanze terapeutiche", antidoti, riduzione della posologia, integrazione con altri farmaci.

Ovviamente la soggetività personale è ulteriore elemento di discrimine e lo specialista deve valutare in modo attento la problematica presente caso per caso.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#5] dopo  
Utente
Gent.le Dr. Vassilis
non era certo mia intenzione chiedere una prescrizione ma semplicemente avere una conoscenza più approfondita delle possibili scelte terapeutiche.
La ringrazio molto per l'articolo fornitomi.

[#6] dopo  
Utente
Gent.ssimo Dr. Garbolino,
nella sua risposta ha parlato di "antidoti" per il superamento della collateralità sessuale. Mi potrebbe spiegare meglio di cosa si tratta? Intende sedute psicoterapie orientate a questo tipo di problema?

[#7]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

intendevo molecole (farmaci) che possono in qualche modo contrastare la collateralità sessuale legata all'uso di farmaci psicotropi.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com