Utente 101XXX
Gent. Dott.re sono una donna di 43 anni,madre di 3 figli.Da tempo soffro di svariati sintomi che mi portano a fare tanti esami,dove ho scoperto di avere una cisti sul surrene destro non secernente,tiroidite autoimmune e non prendo farmaci,lieve ipertenzione con extrasistole ventricolari e sopraventricolari, e prendo mezza pasticca di losazide 50 che da luglio alterno un giorno si e uno no, perchè dopo 4 anni sembra si stia normalizzando.Ora io le scrivo perchè 3 giorni fà mi è capitato di non riuscire a respirare bene cioè non riesco a fare quel respiro profondo.Mi sono recata dopo circa 10 ore che non mi passava e quindi avvertivo un senso di dolore all'addome come da costrizione e alle spalle,all'ospedale.Lì mi hanno fatto rx al torace,dove è uscita un infiammazione ai bronchi,elettrocardiogramma era tutto nella norma,analisi,nella norma e quindi mi hanno dimessa dicendo che è un probblema ansioso.Il giorno dopo continuavano gli stessi sintomi e sono andata dalla guardia medica che visitandomi ha ascultato le spalle e mi ha detto che avevo un pò d'asma.Il mio medico curante per telefono dopo aver sentito quello che mi era successo mi ha consigliato di prendere il bentelan.Dopo 3 giorni e 4 bentelan io non continuo a respirare bene.Oggi mi sono recata in un altro ospedale dove mi hanno solo visitato le spalle e la pancia e mi hanno detto che sono ansiosa e che ho un pò di asma ma non così da farmi stare male.Ora io le scrivo possibile che l'ansia dura 4 giorni e nemmeno la bentelan mi fà respirare bene.Cosa devo fare e se non avessero capito niente?grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

la sensazione soggettiva di non respirare potrebbe essere correlabile ad un disturbo da somatizzazione dell'ansia, questo sintomo andrebbe contestualizzato rispetto alla sua attuale condizione e alla sua storia personale; pertanto, sentito il suo medico curante, potrebbe essere utile una visita psichiatrica,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta