Utente
Salve dottori, vi scrivo per chiedere se il mio problema è puramente legato all'ansia. Sono una ragazza di 21 anni studentessa, circa qualche mese fa, a marzo ho avuto episodi di insonnia, non riuscivo a dormire o meglio mi addormentavo e svegliavo sempre allo stesso orario della notte per poi prendere sonno nella tarda mattinata(aggiungo che ho legato questi episodi alla morte di mio nonno che mi ha veramente colpita), al che il medico di famiglia mi ha fatto fare una cura con EN, e i problemi di sonno sono stati risolti. Poi verso fine aprile inizio maggio avvertivo costantemente un dolore al petto, parte sinistra, con conseguente difficoltà nel respirare e a deglutire, mi sentivo molto male per questo motivo ho fatto una visita cardiologica dalla quale non è risultato gran che se non un' infiammazione curabile con un antidolorifico, poi sono stata meglio. Ora da un mese a questa parte ho avvertito dolori all addome, gonfiore, mal di schiena, costante senso di affaticamento, nausea e soprattutto costanti giramenti di testa che mi affliggono, ho fatto una visita gastroenterologica con relativi test per intolleranze alimentari ma nulla, sindrome dell'intestino irritabile causato probabilmente da stress. Ora la mia domanda è : questi sintomi che io realmente avverto e che mi fanno costantemente stare male sono tutti dovuti dall'ansia? questo mi fa stare molto giù di morale perchè stando male fisicamente non riesco a fruttare nello studio e nella vita sociale essendo sempre nervosa con chi mi vuole bene. Vorrei un consiglio da voi esperti sul da fare perchè vorrei tornare a stare bene e vivere la vita come dovrebbe essere vissuta a 21 anni e non girando continuamente dottori. Nel ringraziare in anticipo porgo i miei cordiali saluti e spero in una risposta che mi sia d'aiuto.

[#1]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

è risaputo che la mente e il corpo sono una unità. Pertanto è possibile che gli aspetti emotivi possano avere sintomatologie anche (talvolta quasi esclusivamente) fisiche.

Senta il suo medico di base e verificate insieme l'opportunità o meno di un accertamento psichiatrico.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dottore, mens sana in corporae sano come si suol dire. Ma io come posso sapere se sono gli aspetti emotivi che causano le mie sintomatologie fisiche se io credo ,almeno all'apparenza, di essere tranquilla? Mi consigliate di parlare con il medico di famiglia? Lei dottore che è uno specialista in materia crede quindi che avrei bisogno di una terapia presso vostri colleghi? Rinnovo i ringraziamenti

[#3]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

ripeto che prima di intraprendere una eventuale terapia occorre avere una diagnosi precisa.

Questa la si pone nel momento che si escludono patologie di altro genere ed attraverso una visita psichiatrica emergono aspetti di natura emotiva.

Il medico di base la può indirizzare verso un nominativo di fiducia.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#4] dopo  
Utente
la ringrazio nuovamente.