Utente
Salve,ho 61 anni e da circa 30 convivo con l'ansia con periodi altalenanti, sempre curata e ben gestita con farmaci tipo en gocce o simili che prendo a tutt'oggi in dosi di 10 al mattino e 15 la sera . Ultimamente e andando in eta' pensionistica (ho fatto l'artigiano)ho avuto qualche difficolta' maggiore rispetto al periodo citato ,con attacchi sempre piu' frequenti con particolare risentimento alla base dello stomaco,in particolar modo se a riposo e principalmente coricato, sono circa 3 mesi che "lotto " con questo disturbo fortemente invasivo finche' non mi alzo cercando distrazioni o riassumendo al limite 10 gg di en per allieviarlo e raramente farlo scomparire per ore. Il medico curante ascoltatomi mi ha prescritto delle compresse di alpraziz 0,50 la sera e 0,25 al mattino,oltre che 1 cp di veniafaxina dopo colazione,ritenendo tali farmaci idonei alla mia situazione Benche' portatore di sindrome di brugada slatentizzata da test alla flecainide ;....dopo 2 gg di tali cure ,ricovero in pronto soccorso con tachikardia parossistica s.v curata con elettrostimolazione, dimesso dopo 4 gg tornavo nuovamente in pronto soccorso per f.a. curata con cardioversione cardiologia, (24 maggio 2016), concludendo per il mio problema che non capisco ancora bene cosa sia ,posso usare solo determinati farmaci che non vadino ad intaccare l'aspetto cardiologico. Chiedo aiuto a Voi su come agire e come mettere mano con polso a questa complicata vicenda. nella vita di tutti i giorni sono attivo ,vado a fare spesa,faccio qualche lavoretto intorno casa ,curo un orticello e quando possibile (ora sono in cura con cordarone) vado anche a ballare,....ma il problema ansia (sempre domata nei 30 anni precedenti )questa volta pare non voglia mollarmi. attualmente da 10 giorni un neurologo interpellato dal mio cardiologo di fiducia mi sta' curando con 5 gocce di seropam e le solite gocce di en mattina e sera con scarso successo.Grazie del Vs prezioso consiglio. buon lavoro.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Farmaci che quindi non prolungano il qt (e in generale anche che non inducono altre aritmie, perché le due che ha avuto non erano ventricolari, la f.a. e la tpsv).
Il seropram però non mi risulta uno di questi, va bene per le aritmie che ha avuto, ma per la Brugada no.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
...Grazie ma i miei quesiti erano altri ancora, se per piacere mi aiutate a capire meglio il tutto espresso nel consulto Vi sarei molto grato . ......chi mi dice di andare da uno psicologo,chi mi dice di fare agopuntura chi ancora da uno psichiatra e nel frattempo mi capitano momenti di forte ansia disabilitante che forse potrei evitarmi. grazie.buon lavoro.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

I disturbi d'ansia li cura lo psichiatra, si orienterà verso farmaci che non influiscono sulle sue aritmie.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#4] dopo  
Utente
Mi tolga per quanto possibile un dubbio,: ma un disturbo di ansia cronica ,con attacchi alla base dello stomaco che scompare per ore ed ore soltanto con 13 gocce di En, ripresentandosi magari il giorno dopo,potrebbe rientrare in una patologia depressiva o no ,.....????.ieri sono stato ad un matrimonio ,giornata impegnativa sotto ogni aspetto,nessun sintomo stato benissimo e nessuna terapia . Grazie .

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non capisco, che c'entra la depressione ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"