Utente 876XXX
Salve,
la mia situazione è alquanto complessa, cercherò di renderla al meglio.
Da febbraio sono in cura per un disturbo ossessivo.
Inizialemte la terapia era:
cipralex 17 gt
orap 2mg
en 25 gocce (successivamente diminuite fino a zero)

poi la mia terapia è stata così modificata:
efexor 75 mg (poi 150)
orap 2mg
successivamente
efexor 150 mg
orap 2 mg
abilify 2,5 mg

il giorno 20 ottobre sono andato in pronto soccorso perchè avevo accelerazione ideica e mi è stato subito tolto l'abilify.nei tre giorni successivi ho preso 15 gocce di en per calmare l'ansia, poi le ho smesse di colpo.
Il giovedì successivo la mia terapia è stata così modificata
efexor 75 mg
zoloft (ad aumentare fino a 75 mg)
orap 1mg
il sabato ho avuto una crisi d'ansia accompagnata da leggera derealizzazione e ho assunto di nuovo l'en tuttora lo sto assumendo.
poichè quest'ansia è stata del tutto immotivata mi chiedo se possa essere dipeso dagli ultimi cambiamenti nella terapia farmacologica o se l'episodio di sabato potesse essere un effetto di rimbalzo per la sospensione repentina di en.
ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
gli episodi di ansia da lei descritti potrebbero essere dovuti ai cambi nella terapia farmacologica. in particolare potrebbe aver avuto tale ruolo l'abilify e la repentina sospensione dell'en. se lei è così suscettibile di manifestaioni acute d'ansia allora dovrebbe essere considerata la possibilità di effettuare una terapia ansiolitica più consistente a copertura delle successive eventuali modifiche di terapia.
cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Utente 876XXX

grazie mille per la istantanea risposta, mi ha tranquillizzato molto perchè temevo che quell'ansia fosse un sintomo di chissà quale problema latente.

[#3] dopo  
Utente 876XXX

possibile che abbia avuto un ruolo anche il dimezzamento di dose di EFEXOR?
Grazie in anticipo

[#4]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
e' possibile anche se non caratteristico della diminuzione di dosaggio di efexor. in genere è più frequente cefalea o alterazioni vasomotorie (sensazioni di calore o freddo, tachicardia o palpitazioni etc.).
cordialmente
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#5] dopo  
Utente 876XXX

Buonasera,
un altro problema che ho è una forte apatia, ossia la totale incapacità di provare emozioni di sorta. Gli psichiatri pensavano di introdurre, dalla prossima visita, un farmaco noradrenergico. Secondo voi è la soluzione migliore per curare l'apatia?