Utente
Salve,
Sto vivendo nel terrore più totale e ormai mi sono buttata giù talmente tanto da non riuscire più a vivere e neanche a chiedere aiuto, faccio fatica anche in questo, non riesco più a sorridere e faccio fatica a mandare un messaggio qui.
Sono convinta di morire, ho sensazioni molto forti, ne ho avute di terribili e ho sempre paura che il cuore si fermi all'improvviso, non riesco a dormire perché nel sonno provo sensazioni terribili. Durante il giorno anche, mi sento di non esistere e sento di morire, profondamente. Nel sonno ho provato un forte senso.di calore improvviso forte fischio alle.orecchie e la morte in faccia, sentivo di spegnermi lentamente .. Ho paura in continuazione, sono disperata e sento che il corpo non è il mio, che io non sono io. Faccio terapia da 3 anni circa ogni settimana. Ora non prendo psicofarmaci ma ne ho presi parecchi. Ho bisogno di voi..
Un caro saluto

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Lei conosce più o meno la sua diagnosi ?
Ricorda le principali cure fatte ?

Per "terapia" presumo intenda una psicoterapia: di che tipo ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la pronta risposta.
La diagnosi non la so, ma i farmaci che ho preso sono antidepressivi, antiepilettici, ansiolitici e basta, presumo. La diagnosi che mi sono fatta da sola da buona ansiosa è ansia, depersonalizzazione, depressione e doc. Ma ovviamente non sono un medico. Psicoterapia comportamentale.
Lei sa dirmi perché queste sensazioni cosi intense?
Saluti

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Parta da informazioni minime, quindi si faccia comunicare in cosa consiste la sua malattia, se ha un nome tecnico, e rifaccia il punto delle cure prese. Questo è utile a capire se ci sono incongruenze, se magari semplicemente non ha provato alcune cure che invece sono di prima scelta, e così via.
Questo è il modo per avere un'idea (da parte del medico) della natura del problema. I sintomi di ora non indicano una sola cosa, sono compatibili con diverse possibili diagnosi, e le terapie cambiano.

La domanda sulle sensazioni intense non la capisco esattamente: ha una malattia in cui ci sono questi stati, quindi in che senso "perché" ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
Non capisco bene quello che mi vuole dire. Parla di malattia, quale malattia?
Io parlo dei miei sintomi, non riesco a capire perché sono cosi intensi e a quale disturbo associarli.
Con quali possibili diagnosi?
La ringrazio

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Come quale ?
L'ha detto Lei che diagnosi le hanno fatto e che è già in cura...
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#6] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
Non mi è stata data nessuna diagnosi.
Il senso di morte e angoscia non mi lasciano vivere.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sì, ma lei diceva di aver preso terapie a base di " antidepressivi, antiepilettici, ansiolitici e basta, presumo"
Quindi significa che il medico le ha fatto una diagnosi, almeno di massima, altrimenti non sarebbe arrivato a prescrizioni di quel tipo, che si fanno sulla base di un'idea abbastanza definita del problema. A questo faccio riferimento quando parlo di malattia.

Quindi non capisco in che senso Lei dice che lei fa riferimeno ai sintomi, e io usavo il termine malattia. E si chiede il perché dei sintomi. Quando uno ha una malattia, di cosa sta parlando se non del fatto che produce dei sintomi ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#8] dopo  
Utente
Ah si certo, era questo che non capivo. Ora è tutto chiaro. Ora non prendo più farmaci, questo senso di morte non so a cosa associarlo. Non so come comportarmi, come uscirne.
Saluti

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io mi farei consigliare una cura. E visto che c'è anche spiegare come si chiama il disturbo che ha, e in cosa consiste, cosa su cui poi magari può ragionare con più calma quando sta meglio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#10] dopo  
Utente
D'accordo.
La ringrazio di cuore per la sua pazienza.
Tante care cose Dottore.
Arrivederci