Utente
Salve, scrivo per mio padre, soffre di schizofrenia da molti anni, dovuta all'abuso di acool. All'inizio prendeva farmaci quali Serenase abbinati al Tavor 2,5 mg per dormire, e questa terapia risultava efficace, ma dopo per alcuni anni non ha più voluto curarsi e ha iniziato ad avere forti stati di agitazione accompagnati da deliri ed allucinazioni, rompeva tutto in casa ed era violento. Le autorità non gli hanno mai fatto un TSO. Dal 2008 si è deciso a curarsi ancora, e assumeva farmaci quali Largactil, uno da 25 mg alla sera e Clopixol 3 gocce al mattino più 3 alla sera con Tavor da 2,5 mg 1 compressa e 1/2. Fino a due mesi fa questa terapia lo ha sempre tenuto sotto controllo. L'anno scorso abbiamo cambiato psichiatra perchè ci siamo trasferiti in un'altra città e gli ha tolto Clopixol, dandogli Trittico in gocce 30 alla sera, con Largactil 25 mg 1 al mattino e 1 alla sera, più Tavor 2,5 mg 1 e /2 la sera. Dopo poche settimane ha iniziato ad avere sintomi di agitazione quali disturbi ossessivo compulsivi, allucinazioni e aggressività. Dato questo la psichiatra gli ha dato Talofen gocce, con dosi di 5 al mattino, 5 al pomeriggio e 10 alla sera, ma la situazione peggiorava, quindi gli ha aumentato Talofen a 10 al mattino, 10 al pomeriggio e 20 alla sera, sempre con Trittico alla sera. L'esito è che era sempre in stato di agitazione. La psichiatra ha reintrodotto Clopixol in aggiunta agli altri farmaci con dosi di 5 gocce al mattino, 5 al pomeriggio e 10 alla sera. Ha iniziato a non dormire più la notte, ora sono due settimane che non dorme. Gli è stato sospeso il Talofen perchè dava ansia e il Trittico lo stiamo diminuendo con una goccia in meno alla sera. La sua terapia attuale è Clopixol 10 gocce al mattino, 10 al pomeriggio e 30 alla sera con Largactil 25 mg 1 al mattino, 1 al pomeriggio e 2 alla sera con 2 compresse di Tavor 2,5 alla sera e non riesce comunque a dormire. Oggi siamo andati dalla psichiatra per il controllo e nonostante le abbiamo spiegato la situazione ovvero che mio padre non dorme da due settimane, fa fatica a respirare, non fa dormire noi familiari che ci stiamo debilitando sia fisicamente che psicologicamente, non ha deciso nulla in merito, si è rifiutata di farlo ricoverare perchè ha detto che non c'erano posti disponibili, e anche di dargli un'altra terapia più efficace visti gli esiti negativi delle precedenti, mostrandosi poco comprensiva nei confronti di noi familiari. Noi non sappiamo più che fare, mio padre è anche aggressivo se non si assecondano le sue ossessioni e disturba anche i vicini visto che abitiamo in un condominio.Ci sono farmaci più potenti per la sua patologia? Inoltre dato che non dorme da parecchi giorni, potrebbe avere problemi di salute più gravi? Gentili dottori, attendo qualche consiglio. Grazie.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Non è chiara una cosa, ovvero se stiamo parlando di ossessioni o di altri comportamenti e pensieri. La diagnosi di schizofrenia può essere complicata da uso di alcol, ma non è dovuta all'uso di alcol.
Le terapie che ha riferito sono a dose contenuta. Non è chiaro perché il medico ne abbia escluso altre (forse già provate oltre quelle che ha elencato), ma se deve intervenire con urgenza in una situazione che ritiene pericolosa, l'unica è chiedere un altro parere o rivolgersi al pronto soccorso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dr.Pacini, lui ha ossessioni compulsive, stati maniacali e anche allucinazioni, non riesce a vivere una vita normale ed è impegnativo anche per noi. Comunque le terapie provate al momento sono quelle che ho elencato, sicuramente se è necessario sentirò un altro parere.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le terapie elencate appartengono tutte ad una classe di antipsicotici, e quindi non è per niente chiaro come mai tutti gli altri, quelli "nuovi" (ormai nuovi relativamente) non siano stati presi in considerazione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"