Utente
Salve, sono un ragazzo di 31 anni. Ormai sono anni che soffro di attachi di panico. Nel ultimo mese ho passato un periodo stressante. Un giorno mentre stavo mangiando un panino ho avuto la sensazione di soffocare, anche se respiravo bene. Da quel momento ho paura di soffocare, ho paura di mangiare cidi solidi. Sono quasi 10 giorni che mangio solo minestroni e brodi e questa mi causa molto disagio perche sento di essermi dimagrito. Sono andato a fare una visita da un specialista orl e dopo una laringioscopia e risultato tutto nella norma. Il medico mi ha prescrito nexium 20 mg due volte al giorno per un reflusso. Sono andato dallo psichiatra la quale mi ha consigliato di prendere escitalipram 10 mg. La mia domanda e probabile che questa paura si guarisce solo con le sedute da un psicologo oppure serve per forza la terapia. Grazie

[#1]  
Dr. Mario Savino

40% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La paura di soffocare (e/o non deglutire) è molto frequente nel Panico.
La psicoterapia può essere utile in alcuni casi ma lei dice che sono anni che soffre di DAP, se la psicoterapia l'ha già provata direi che sarebbe il caso di passare ad una farmacoterapia e cercare di far scomparire i sintomi del tutto anziché far cronicizzare il disturbo.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, grazie per la sua celera risposta, in realta ho usato questo farmaco in precedenza per curare gli attachi di panico, ma non sono andato da un psicologo, per questo motivo chiedevo di provare un altra via. Devo dire che ho avuto dei miglioramenti, ma dopo 1anno e mezzo che lo usato sempre sotto controllo della psichiatra, e dopo che ho terminato la cura e appena ho un periodo stressante gli attachi di panico tornano. Il problema di questa fobia e che non hai scampo, nn lo puoi evitare. Grazie di nuovo.

[#3]  
Dr. Mario Savino

40% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Il Panico può avere decorso ricorrente o cronico (cioé per diversi anni). Se sospendendo la cura riaffiora allora la terapia va mantenuta. Può essere senz'altro utile associare una terapia cognitivo-comportamentale ma se da sola non funziona almeno come il farmaco allora le due terapie devono coesistere. Più a lungo sarà completamente libero da sintomi (panico, evitamento, ansia anticipatoria, etc) e meno a lungo durerà il disturbo.
Grazie a lei.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#4] dopo  
Utente
Grazie di nuovo per la disponibilità e gentileza.

[#5]  
Dr. Mario Savino

40% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Dovere, mi stia bene
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria