Utente 487XXX
Gentile dottore,
mia cognata ha un bruciore vulvare. L'inizio è coinciso con il primo giorno di assunzione di cipralex (4 gocce) una settimana fa.
E' convinta che il bruciore intimo dipenda dal farmac (ha imbarazzo a riferirlo al suo psichiatria e vuole smettere). Sebbene non sia riportato tra gli effetti collaterali, è possibile che sia questo la causa? E nel caso si potrebbe trattare di un sintomo transitorio? Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Non è possibile che sia dovuto al farmaco ed è comunque buona norma riferire allo psichiatra qualsiasi evento in modo che possa essere decodificato appropriatamente.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 487XXX

Grazie infinite dottore.
Ho ancora un dubbio. Potrebbe essere che il farmaco contenga qualcosa di acido che irrita la mucosa anale e vulvare (a contatto con l'urina)? Il bruciore è su tutta l'area.
Ha chiesto al suo medico di base che ha risposto con un non saprei. Grazie per l'attenzione.