Utente
premettendo che in realta' ho 16 poichè sto usando l'account di mia sorella ci tenevo ad esporre un problema che mi turba molto....l'ultima volta mi è capitato 5/6 anni fa....forse anche prima......a volte(soffro un ppo' d'ansia)pur essendo consapevole di me di qll che sto facendo mi sentro strana....difficilissimo da spiegare.....veramente difficile...io so esattamente chi sono cosa sto facendo...niente vuoti mentali....solo che sembra che mi veda da fuori...uff....è veramente brutto....non mi sento me stessa....come mai???é come se non riesci a capire se ti trovi veramente dove sei, se veramente stai viveno quello che hai intorno?La sensazione è questa: Sto facendo una cosa, qualunque cosa sia, ed è come se io in quel momento non fossi veramente presente, ma come se stessi solo osservando da un'altra dimensione. E' inquietante..ed è da una settimana che mi sento cosi
grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

se il fenomeno si e' presentato l'ultima volta 5-6 anni fa non ci sono comportamenti o preoccupazioni particolari.

Stia tranquilla
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2] dopo  
Utente
ah...ok perchè se fosse successo anche piu tardi sarebbe qualcosa???

[#3]  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
16% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Cara ragazza (ho capito che ha 16 anni, vero?),
è un po' difficile capire a cosa possa riferirsi solo per internet, ma comunque vorrei chiederle perchè non ne parla coi suoi genitori, o eventualmente anche al suo medico di famiglia? Piuttosto che rimanere in preda a dubbi e preoccupazioni meglio parlarne, no? Probabilmente è solo qualcosa legato a una forte immaginazione e sensibilità, ma potrà esserne rassicurata meglio facendo come le ho accennato. C'è qualche motivo per cui non parlarne?
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/