Utente 557XXX
Salve. Due mesi fa mia suocera si è ricoverata per le sue solite crisi (le hanno diagnosticato 10 anni fa il bipolarismo). Fingendo di assumere la terapia è arrivata al punto che solo col ricovero si poteva agire. Li è stata un mese e mezzo senza assumere terapia (non voleva e ci hanno detto di non poterla obbligare). Si è poi convinta ed è carica una settimana che assume una pillola in previsione di farle la siringa mensile visto che è una paziente che non accetta la terapia. Ora improvvisamente dopo appunto una settimana dall inizio di questa pillola e quindi senza ancora alcun risultato se non che è leggermente più calma ma ha sempre le solite paranoie e fissazioni, decidono di dimetterla perché lei manifesta forte disagio a stare lì e loro la vedono già meglio. Ovviamente noi sappiamo che sta ancora malissimo e abbiamo anche un po' paura che la facciano uscire in queste condizioni. Viviamo accanto e ho 2 bimbi piccoli e l'ultima volta prima del ricovero ha fatto cose da spavento. Cosa possiamo fare? Portarla altrove? Ma ormai lei vuole uscire e non si farà più ricoverare altrove. Cmq noi sapevamo fosse bipolarismo, in questa clinica Pero hanno parlato di psicosi schizofrenica. Ci sentiamo impotenti.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Di solito in casi di questo tipo i colleghi provano a somministrare terapie iniettive, che almeno mantengono la medicina in corpo per 1-3 mesi dopo il ricovero. Questo può agevolare il miglioramento della coscienza di malattia e della collaborazione alle cure.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 557XXX

Il problema è che la vogliono dimettere con la sola cura con pillola (per giunta iniziata solo da poco più di una settimana) e tra un mesetto dovrebbe fare la siringa presso l ASL. Purtroppo lei è ancora convinta di non essere malata e già sappiamo che appena uscirà non prenderà più nemmeno quella unica pillola.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#4] dopo  
Utente 557XXX

Salve, come previsto hanno dimesso mia suocera martedì nonostante non stia ancora bene e non abbia ancora potuto fare la siringa. Al momento sembrerebbe stare nella fase nel bipolarismo misto.
Cmq dimessa con questa cura:
Ivega 6mg
Mutabon antidepressivo
Sincronil
Delorazepam 1mg
Lansoprazolo.
Con questa cura avremo qualche miglioramento? Al momento continua con allucinazione paranoie e frasi sconnesse.
Dovrebbe la settimana prossima inzuare la siringa con un dosaggio basso per arrivare poi al dosaggio definitivo.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sostanzialmente quindi la terapia consiste di invega. La siringa di che cosa sarebbe ? Di invega ma in forma iniettabile ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 557XXX

Si esatto

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ma quindi questa è la cura definitiva, a parte aggiustamenti di dosaggio, nonostante sia sempre allucinata e non consapevole della situazione ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 557XXX

Si così smebrerebbe