Utente 520XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni, sportiva che svolge un lavoro di oss nel campo sanitario.
Da fine agosto di quest anno, mi è venuto un attacco di panico dove sono finita al pronto soccorso con sintomi : respiro affannoso difficolta nella deglutizione (cosa che alcune volte mi veniva visto che era un periodo molto stressante) ma quel giorno sono andata in panico da non riuscire a mangiare giu neanche un biscotto, poi il giorno dopo si e risolto... da li sono iniziate un calvario di esami decisi da me per dei problemi improvvisi...: dall oculista una mattina vedevo doppio risultato negativo l occhio non aveva niente, poi mi sono venute delle specie di extrasistole tipo tonfi nel petto ho fatto due ecg e due ecocardiogrammi tutto negativo andava tutto bene il mio medico mi ha prescritto esami della tiroide con gli esami completi del sangue anche loro tutti ok.
Sono sempre stata una persona molto ansiosa ma non cosi...che assume lexotan al bisogno... un giorno di settimana scorsa mi è comparso un problema allo stomaco sentivo strisciare di piu normale il cibo con (dolore) come se mi fermasse e dopo mangiato ho la sensazione di aver gonfia la faccia e la bocca dove non è cosi... e ho sempre paura di avere qualcosa di (brutto) e voglio fare tremila esami...
volevo chiederle un consiglio se secondo lei è un esuarimento avanzato o iniziale che mi sto portando avanti che mi e venuto?
e se c e qualche terapia che puo placare questi attacchi di panico ?
Perche il lexotan che mi era stato prescritto non mi fa piu niente... o bene poco.
(quando c e tanta gente attorno tipo ad un suoermercato mi manca l aria e penso di perdere il controllo di non respirare piu...)
Grazie.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Le terapie per il panico sono consolidate. niente di strano. Da Agosto ad ora nessuno l'ha visitata ancora, però. Come mai ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 520XXX

Buongiorno dottore grazie per la sua risposta ,
volevo andare da un neurologo a breve per una visita ed una cura per questi attacchi panico .. .ma volevo un consulto e dei consigli in generale, visto che il mio medico di base dice che non ce ne è bisogno ed è una cosa momentanea di stress. Il problema è che da agosto dopo l a ttacco di panico sta diventando tutto un circolo vizioso.

ma, lei dice che tutte questi fastidi li può fabbricare la mia mente perche sono in totale esaurimento?:ho paura di qualsiasi cosa e questo mi spinge ad fare sempre visite come quelle fatte elencate ..
grazie

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Che sia momentanea in che senso, visto che è da Agosto ? Non vedo poi cosa significhi stress. Li può fabbricare, non nel senso che li inventa, proprio nel senso che produce i sintomi cardine, che sono lo stato d'allarme, unitamente ad una serie variabile di sintomi corporei, che però sostanzialmente possono anche essere assenti o essere i parametri di una reazione d'ansia o di spavento.
Lo specialista di riferimento è lo psichiatra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 520XXX

Ok grazie per la sua risposta la terrò aggiornato dopo la visita che andrò a fare se tutto questo non si placherà ... volevo chiederle un ultima cosa il mio medico di base senza avere una diagnosi, mi consigliò di prendere lo Xanax x colmare questi attacchi di panico invece che il lexotan ? Ovviamente io sto continuando a prendere il lexotan perche sto aspettando una diagnosi da uno specialista ma secondo lei è ottimo come farmaco ? Grazie ancora

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sono semplicemente due ansiolitici diversi per potenza e durata, ma il ruolo è analogo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it