Utente
Buongiorno gentili dottori, sono una figlia di 42 anni preoccupata per mia mamma di 80.
Dopo un paio di cadute avvenute in casa sua, ho deciso di farla venire a vivere a casa mia sconvolgendo non poco la mia vita quella di mio marito e dei miei figli fortunatamente già maggiorenni.
Specifico che mia mamma è vedova dal 2012 ed ha avuto con mio padre una vita difficilissima priva d'amore di comprensione di aiuto e di qualsiasi forma di calore umano.
Idem per noi figlie.
Comunque il problema nasce circa 2 anni fa quando mi confessa di essersi innamorata del fisioterapista che l'aveva in cura.
La ritengo una cosa normale finché non comincia a dirmi che in realtà è lui (uomo di 40 anni) innamorato di lei.
Senza entrare nei dettagli perchè sarebbe troppo lunga comincia a raccontarmi una storia incredibile dove ogni segnale (ad esempio un faro di una macchina che si accende all' improvviso, un clacson, una telefonata muta) nella sua testa è questo uomo che cerca di confessarle il suo amore senza mai riuscirci.
Io ho sempre fatto finta di crederle, mi faceva tanta pena ed era un modo per farla sfogare.
Solo quando lei si presentò sul posto di lavoro del fisioterapia le raccomandai di non farlo più perché troppo umiliante.
A oggi sono passati circa 2 anni e mezzo ma continua a parlare di questo uomo come unica sua ragione di vita e non potendolo più vedere ne "sentire " è molto depressa e non trova la ragione per andare avanti.
Ho.
pensato di raccontarle una bugia per farla stare meglio: avrei incontrato quest'uomo e lui mi avrebbe detto di non averla dimanticata ma che una relazione sarebbe ormai impossibile.
Vi chiedo dottori se è il caso o andrei a fare più danno.
Provo tanta pena per questa donna mai amata.

Grazie a tutti coloro mi risponderanno

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Non è il proprio il caso.

Il problema è che questa manifestazione è un sintomo cognitivo per cui va considerato l'aspetto generale e la valutazione clinica di sua madre che potrebbe essere responsabile di tale sintomatologia che si ancora comunque a fenomeni di realtà e a persone reali per cui trova un peggioramento nell'umore quando i comportamenti di altri non sono compresi.

E' opportuno far valutare sua madre da uno specialista neurologo o geriatra che possa instaurare una terapia corretta ai sintomi presenti.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

si faccia consigliare se mai da un medico, ma penso che avrebbe più senso far fare una diagnosi, e anche verificare se questo tipo di sindrome sia la fase preliminare di un decadimento cognitivo generale, visto che a quanto dice è la prima volta che ha pensieri di questo tipo.
Essendoci state cadute, avrebbe anche senso accertare se vi siano dei fenomeni postumi (tipo ematoma sottodurale) che a volte possono generare disturbi psichici nel tempo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#3] dopo  
Utente
Buongiorno, vi ringrazio infinitamente per le vostre celeri risposte. La geriatria l'ha visitata e a gennaio faremo i test cognitivi. Io ero presente durante quella vista ma ovviamente non potevo raccontare di queste fantasie private tanto meno del fatto che vede insetti nei suoi indumenti e passa molto tempo a schiacciarli. In passato è sempre stata una persona molto ansiosa e per molti anni ha vissuto nella paura. Vorrei solo poterle dare sollievo almeno in questa ultima parte della sua vita ma se questi sintomi non vengono mai alla luce come posso fare ? Lei ben se ne guarda di parlarne con qualcuno...medico di base e tanto meno uno psichiatra che rifiuta categoricamente. Grazie ancora per il tempo che mi avete dedicato.

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il medico comunque dovrebbe saperle queste cose, anche senza dirle di fronte alla persona. Anche perché se ad esempio va da un geriatra, può gestire forse lui la cosa, ma può anche far scelte sbagliate se gli mancano questi elementi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno e grazie ancora. Cercherò di fare arrivare queste informazioni alla geriatra anche perché la situazione sembra peggiorare inesorabilmente. Grazie ancora. Curare una persona anziana è veramente cosa difficile e mette a dura prova un po'tutta la famiglia, i vostri consigli sono stati preziosi. Buone feste