Utente 106XXX
Salve
ho letto il forum e ho visto che aiutate le persone con problemi e siccome, non so ancore se e a chi rivolgermi, ho pensato di rivolgermi a voi. Vi ringrazio anticipatamente del tuo aiuto.
Da molti anni, in alcuni periodi (anche molto distanti, a volte anni, e comunque quando lo faccio è sempre per non lunghi periodi - max 3 / 5 mesi) pratico il vomito indotto. Di recente (ieri) mi è capitato, all'atto di vomitare, di rigettare anche sangue. Non mi era mai capitato e sono molto preoccupato e, non avendo mai parlato di questa mia cattivissima abitudine con nessuno, ho pensato di chiederlo prima a voi, forse per prepararmi gradatamente, e capire un po quale possa essere la situazione. Cosa può essermi successo? è per forza una cosa grave o potrebbe, qualora smetta e non ripeta mai più questa pratica, rientrare da sola? devo rivolgermi a uno specialista per effettuare accertamenti sulla mia situazione gastrica? a chi? eventualmente dovrei subito e nel frattempo prendermi un medicinale (es. gastroprotettore) per il sangue che mi è uscito? quale?
Spero leggiate questa e.mail e possa darmi qualche risposta perchè mi sto facendo prendere la mano dal timore.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Il vomito indotto credo indichi la necessita' in prima istanza di una consulenza psichiatrica. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
ci sarebbe da capire il motivo per il quale lei mette in atto questa condotta. Ad ogni modo le potrà essere utile la consulenza di uno specialista in psichiatria, che oltre ad indagare le motivazioni di natura psicologica del suo comportamento, le potrà indicare eventuali accertamenti diagnostici o consulenze da praticare. Se, come credo, la sua pratica rientra in un disturbo della condotta alimentare, le posso anticipare che non le sarà facile smetter da sol senza l'aiuto di uno specialista. Per quanto riguarda il gastroprotettore lei sa bene che non possiamo effettuare prescrizioni senza una visita diretta.
cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it