Utente
Gentili medici esiste una terapia farmacologica adatta al mio tipo di disturbo?
Sono in cura da una psicoterapeuta/affiancata ad una psichiatra che in passato mi aveva dato sereupin.
Nei colloqui avuti ho affrontato vari problemi a volte avvicinandomi e girando un po' attorno a quello che per me è un problema grande ma che ho troppa vergogna a dire essendo delle donne ed io maschio.
Ossia mi eccito maggiormente che in qualsiasi situazione se una ragazza bella mi umilia psicologicamente.
Ho avuto casi in infanzia ma giustamente 100 persone potevano vivere il mio stesso caso e non tutte e 100 reagivano come me quindi il problema è mio o quantomeno molto mio.
Quali sono i farmaci di una terapia farmacologica per questo tipo di masochismo?
Non lo chiedo per procurarmi farmaci illegalmente (senza ricetta) ma perché se la terapia coincide con un ssri evito di dirlo alla psichiatra perché mi vergono troppo.
Ad ogni modo non sono pronto a dirlo.
Se non potete dirmi i farmaci vi prego almeno di avere la pietà di dirmi quali sono i cardini dei farmaci da prescrivere: aumento della soddisfazione interna?
Stabilizzare l'umore?
ecc E se non potete nemmeno aiutarmi per questo non rispondete del tutto.
Lo preferisco rispetto ad una risposta generica
Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Innanzitutto la questione va inquadrata dal punto di vista diagnostico e poi si può pensare ad una terapia efficace per i suoi disturbi.

Se non dice la verità in sede di visita difficilmente potrà avere una prescrizione adeguata.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente
Se dal punto di vista diagnostico non è una patologia ha senso che lo dica così apertamente? Non è sufficiente che dico che certe donne con atteggiamenti autoritari che mi trasmettono idee di cattiveria e malvagità sono anche quelle che mi eccitano di più e la cosa non mi piace?
Grazie dottore!!

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Tutti gli elementi possono fornire indicazioni diagnostiche.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore sa per caso se esistono farmaci dall'effetto simile alla paroxetina anche sull'ansia che però non disturbano il sonno e le fasi REM? Con la paroxetina mi svegliavo di continuo di notte. In generale è possibile uscire da un'ansia che dura tutta la vita senza farmaci ma solo con le psicoterapie? Se me lo permettete vorrei aggiungere qui, quando sarà il momento, il farmaco che mi verrà prescritto per sentire cosa ne pensate anche voi super esperti.

Grazie

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Sono disponibili diverse terapie che possono essere personalizzate per singolo paziente.

La sola psicoterapia non risulta essere sufficiente nel trattamento dei disturbi psichiatrici.

Un trattamento farmacologico si mantiene per il tempo necessario ed indispensabile per la prosecuzione della cura fino alla remissione completa dei sintomi e ad un mantenimento efficace.

Può comunicare quanto vuole in questo spazio ma se richiede valutazioni sulla terapia e giudizi in merito questa richiesta non può essere soddisfatta in quanto lo scopo del servizio è il corretto indirizzamento verso figure specialistiche che poi assumano il controllo e la valutazione della situazione.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
Utente
Senza polemiche assolutamente dottore, a cosa serve allora la psicoterapia senza farmaci?

Può dirmi anche se è normale che le umiliazioni di belle ragazze facciano eccitare o è un disturbo?

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
C'è chi trae giovamento chi no.

L'eccitazione sessuale sulle umiliazioni è considerato un disturbo.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#8] dopo  
Utente
E come si chiama

[#9]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
È un disturbo inquadrato nella parafilie ma non basta conoscerne il nome va inquadrato correttamente con una visita
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#10] dopo  
Utente
Dottore se per caso uno uscisse da questi disturbi in maniera completa (e si spera definitiva) non grazie a dei farmaci e in realtà nemmeno grazie ad una psicoterapia ma grazie alla fede (che magari per lei è suggestione) può definirsi guarito al pari di chi usa i farmaci?

La saluto e la ringrazio sempre

[#11]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Fino ad oggi non vi sono evidenze che la fede possa avere un effetto terapeutico di qualche tipo.

Le terapie validate sono quelle indicate dalla Organizzazione Mondiale della Sanità.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#12] dopo  
Utente
Cercherò di farmi una ragione di quello che mi ha detto anche se con molta tristezza. Sempre la ringrazio

[#13] dopo  
Utente
Gentile dottore il sesso anale è una parafilia anch'esso? Inteso con uomo che penetra donna.

Grazie per l'eventuale disponibilità

[#14] dopo  
Utente
Egregio esperto

sono stato dalla psichiatra che, anche se mi ha detto che non sono schizofrenico, vuole affiancare alla psicoterapia l'aripiprazolo. Mi ha detto che è un dosaggio pediatrico ma che per me andrebbe bene cosi e di stare a vedere.

Non mi chieda la diagnosi perché non la so. Ha detto solo che dopo vedremo come va e se cambiare/aggiungere qualche farmaco diverso.

Volevo chiederle:

Se, per la questione dei dosaggi non effettivi di farmaci generici che lei sa meglio di me, il brand sarebbe Abilify?

Se è corretto iniziare il farmaco così o quanto meno se condivide: 2.5mg per tre giorni e poi 5 mg

Per la questione del brand vorrei sapere se è questo quello principale perché per esempio la paroxetina ne ha tanti ma sostanzialmente il più venduto (mi passi il termine) qui è sereupin

Sempre un grande grazie

[#15] dopo  
Utente
Dottore nel caso si sia stufato di me ho scritto in un altro consulto questa medesima cosa. Se può risponda almeno a questa.

Come mi ha detto ho spiegato alla visita quello che mi aveva detto ma non esplicito al 100000%. Mi eccito maggiormente che in qualsiasi situazione se una ragazza bella mi umilia psicologicamente. Ma non l'ho detto proprio in questi termini perché è troppo imbarazzante e la psichiatra è giovanissima ha poco più di 30 anni!! Anche in virtù della necessariamente poca esperienza che ha le chiedo di fare un'eccezione e di dirmi cosa ne pensa su una questione. Io ho cercato di farle capire e penso che abbia capito ma sostanzialmente ho detto che se una donna è troppo dolce nn mi eccita invece se è un po' una str***a che tratta male gli altri e anche me mi eccita.
Ho detto così, può andare dottore?

Volevo chiederle:
Dopo avere detto queste cose ecc. alla visita mi ha dato l'aripiprazolo dopo un tentativo fallito tempo fa con paroxetina. Pensa che se fossi stato esplicito al 100% la cura sarebbe stata diversa? Intendo dire se mi avrebbe dato un farmaco più forte. Dottore faccia un'eccezione e mi dica cosa ne pensa a riguardo perché è una donna giovanissima e non ci riesco a dire certe cose in modo super esplicito e al momento studio e non posso permettermi nessuno privatamente. Sono obbligato ad andare da lei