Utente
Buongiorno,
Sono un ragazzo di 27 anni.

Da circa 8 anni soffro di depressione e ansia sociale.

Ho provato numerosi trattamenti farmacologici e non (psicoterapia, tdcs, terapia elettroconvulsiva), ma nulla mi è stato di aiuto, poiché ad oggi continuo a soffrire di sintomi depressivi intensi come stanchezza cronica e mancanza di energie, e di ansia nelle relazioni sociali.

Ho spesso pensieri suicidi poiché non riesco più a sopportare questo mio malessere intenso e non ho idea di come posso uscirne.

Ho sentito parlare di alcune tecniche di neurostimolazione come la rTMS e la stimolazione del nervo vago, ho anche sentito il parere di tre psichiatri di cui uno mi sconsigliava queste tecniche perché servono a ben poco se non a fare spendere un sacco di soldi, mentre gli altri due mi hanno detto che potrei avere dei benefici.

La domanda che vorrei fare a Voi specialisti è se queste tecniche di neurostimolazione hanno una validità scientifica approvata nei disturbi dell'umore e in particolare nei disturbi depressivi, come nel mio caso, o se invece non ci sono ancora studi che dimostrano l'efficacia di queste tecniche.

Grazie mille

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
" di cui uno mi sconsigliava queste tecniche perché servono a ben poco se non a fare spendere un sacco di soldi, mentre gli altri due mi hanno detto che potrei avere dei benefici."

Non è detto che volessero dire cose diverse.

La stimolazione magnetica nella depressione è provata, però nel confronto è considerata efficace come o meno della tec.
L'altra ha un effetti una % di risposta non alta.

In casi come questo bisognerebbe studiare meglio i fattori di risposta prima di scegliere una tecnica

Lei ha mai avuto benefici anche temporanei dalle cure, intendo almeno per 6 mesi ?
Quali cure ha fatto per la depressione resistente ?.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Io sinceramente non ho avuto mai dei benefici durevoli per più di 6 mesi e la psichiatra che mi segue mi ha cercato di curare sperimentando molti psicofarmaci.
Le faccio un elenco così vado più nello specifico: Cipralex 20mg al giorno per circa un anno, Venlafaxina fino ad un dosaggio di 300 mg per circa un anno e mezzo, Sertralina 150 mg al giorno per circa 4 mesi, Amisulpiride 50 mg al giorno per due anni, Resilient 83 mg al giorno per due anni, Depakin Chrono 500mg al di per circa un anno e mezzo, Aripiprazolo 5 mg al giorno per 5 mesi, Quetiapina 50 mg a rilascio prolungato per un anno, Quetiapina normale 100 mg per circa due anni, Elontril 150 mg per 3 mesi circa, Lamotrigina 100 mg al giorno per due settimane e poi sospesa per reazione allergica, Vortioxetina 20 gocce al giorno da circa 2 mesi, e diverse benzodiazepine.
Questi sono più o meno i farmaci provati in questi ultimi 6 anni.
Ad oggi, la terapia farmacologica che sto' assumendo è la seguente: 150 mg/dì Sertralina, 20 gocce di Vortioxetina, 5mg/dí Aripiprazolo, 50 mg/dì Amisulpiride, Quetiapina normale 50 mg/dì, 50 gocce di Lexotan suddivise per 3v al giorno.
Ho fatto poi 7 sedute di terapia elettroconvulsiva, 15/20 sedute di tdcs, e anche due percorsi di psicoterapia.
Purtroppo nulla mi è stato di aiuto, e io sto' quindi perdendo ogni speranza perché mi sembra di aver provato tutto il possibile.
Lei cosa ne pensa?
Grazje

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Partendo da una diagnosi di depressione e ansia sociale, non si può però dire che abbia provato tutte le classi di antidepressivi, per esempio, e mancano anche altri che possono funzionare nell'ansia sociale, pur non essendo le terapie di prima scelta. Ha fatto 2 ssri e 1 snri, bupropione (a dose non piena) e vortioxetina. Quel che viene dopo o extra dovrebbe essere per forme resistenti
Esiste ad un esempio un motivo per cui non sono stati usati antidepressivi triciclici ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#4] dopo  
Utente
In realtà ho fatto anche per diversi mesi il Laroxyl, 20 gocce al giorno per la profilassi dell'emicrania di cui soffro, ma per la depressione non mi è stato d'aiuto.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ho capito, però dose contenuta, come infatti è per l'emicrania.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#6] dopo  
Utente
Sì esatto.
Però come ho detto prima mi ritrovo senza più speranze di venire a stare meglio e sono piuttosto abbattuto poiché nulla ha funzionato, anche perché tanti farmaci li ho presi a dosaggio opportuno sotto il controllo della psichiatra.
Dunque, non so' più che fare per questo penso spesso al suicidio, e la mia psichiatra ne è a conoscenza.

[#7]  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
antiMAO
clomipramina/nortriptilina
ne può parlare con la sua Psichiatra

stimolazione magnetica profonda (vero che la TEC funziona più spesso ma dipende anche dal disturbo e dal soggetto), ne ha parlato col Medico che le dicevo?
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#8] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Savino,
Io sono già stato seguito per un periodo dal dott. Fazzari, ed è stato lui che mi ha mandato a fare la terapia elettroconvulsiva, ma non ha funzionato; inoltre l'anno scorso avevo iniziato nella sua clinica anche la rTMS ma poi abbiamo deciso di interromperla dopo cinque sedute perché mi creava forti mal di testa...
Dunque, a questo punto, mi sento totalmente abbattuto, non so' più che altro fare, sembra che niente funziona su di me...
Grazie dell'ascolto

[#9] dopo  
Utente
Riguardo ai farmaci anti Mao, clomipramina e nortriptilina non mi sono stati mai prescritti, forse perché "vecchi" o con effetti collaterali importanti?
Cosa posso dire alla mia psichiatra?
Grazie

[#10] dopo  
Utente
E poi quale anti Mao mi consiglierebbe di chiedere alla mia psichiatra?

[#11]  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Beh, vecchio non significa inefficace, i triciclici sono tutt'ora molto validi, certo bisogna "saperli usare".

Gli IMAO come il Nardil (fenelzina) sono reperibili all'estero (svizzera, vaticano) e richiedono attenzione nell'associazione con alcuni farmaci e alimenti (altrimenti si rischia una crisi ipertensiva).
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#12] dopo  
Utente
Quindi potrei dire alla psichiatra che ho sentito Lei e che mi ha detto di parlarne riguardo a farmaci anti Mao?
Ne esistono alcuni che sono commercializzati in Italia?
Grazie

[#13]  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
In Italia c'era la maprotilina ma ora non saprei. Riguardo alla sua Psichiatra non posso interferire, può parlarle di triciclici o qualunque altra opzione.
Piuttosto indagate meglio su queste idee di suicidio, potrebbe essere opportuno introdurre il Litio (se non lo prende già) e/o della Clozapina a basso dosaggio.

Deve però parlarne con la Psichiatra che la segue.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#14] dopo  
Utente
Grazie mille