Utente
Buona sera, ho diversi consulti rispetto l ansia.

Purtroppo soffro di ansia da anni.

Ho provato psicoterapia cognitivo-comportamentale, farmaci da Xanax, citalopram, lyrica, tavor...
...
Bè questi percorsi sono fallimentari o puramente contenitivi, la qualità della mia vita forse sarebbe peggiore senza, ma non go trovato una terapia soddisfacente.


Quali altre cure o strategie si possono mettere in campo?

Il fallimento di queste cure può far pensare a una diagnosi " disturbi d ansia generalizzato" non corretta o non completa?
Può essere io abbia una sovrapposizione di disturbi per cui le cure prospettate non sono di copertura?

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Dipende dai tempi di assunzione delle terapie e dai dosaggi.

Il problema è che però, come si può notare dalle sue richieste, lei ha sempre avuto un approccio dubbioso verso le terapie farmacologiche e ciò rende più difficoltoso il trattamento.

È anche probabile che la diagnosi non si fermi alla sola ansia.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta.
Allora sono circa 8 anni che prendo farmaci.
Ho una mentalità molto scientifica e razionale per questo circa 8 anni fa, alla comparsa di sintomi che non conoscevo, non ho esitato a rivolgermi a uno psichiatra.

Purtroppo ore sono dubbioso sulla cura per un motivo banale:
In 8 anni, sicuramente i farmaci hanno aiutato a un contenimento che in alcuni casi mi hanno aiutato a mantenere un lsvoro fisso che avrei lasciato per sfinimento, ma non sono arrivato a una risoluzione completa o definitiva.

Un altra cosa: lei sostiene che il mio comportamento dubbioso sui farmaci non aiuta. Però io credo che se ho la febbre e dubbioso sui farmaci e prendo una tachipirina, questa ha effetto indipendentemente dalla mia fiducia o no.

Ammetto che non sono i farmaci a rendermi dubbioso piuttosto altre terapie.
Per un anno ho seguito una terapia cognitivo comportamentale con molti dubbi al riguardo, ed è stata inutile. In questo caso ritengo possibile che il mio scetticismo non abbia favorito la terapia.
Grazie

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Si focalizza sulla dubbiosità ma non sui dosaggi, si tempi di trattamento e sulla permanenza di sintomi nel corso dei vari trattamenti.


La psicoterapia è operatore dipendente ed il fatto che non abbia avuto successo non dipende dalla dubbiosità ma dalle condizioni di eleggibilità preventivamente non valutate.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente
Forse ho dato l'impressione di essere scostante, o dubbioso preventivamente.
No non salto un giorno coi farmaci. Per cui li prendo da 8 anni modo continuativo. Negli anni ho variato un po dosaggi e variato di poco la cura sempre su indicazione.
Inutile ora stilare i dosaggi in questi 8 anni:
Indicativamente o variato citalopram da 20 a 60, un periodo tavor al bisogno, anseren, Xanax da 0.5 a 4 mg sie, lyrica da 75mg a 3x75mg due. Posso dire che il citalopram è sempre stato presente con piccole variazioni di dosi.

Quindi parlando di tempi e dosaggi di trattamento posso dire che ho sperimentato che i farmaci aiutano in momenti di "urgenza". Es sono in panico per il lavoro che non sarei nemmeno in grado di presentarmi ecco che con un aiuto si riesce ad affrontare qualcosa che al momento sembra impossibile.

Parlando di tempi e dosaggi, avendo sperimentato un Po è avuto costanza, non riesco a capire quali tempi e dosaggi potrebbero essere curativi e non solo emergenziali.

Grazie

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Un dosaggio elevato di alprazolam non ha alcun senso neanche se modulato.

Il problema è che i farmaci vanno mantenuti a dosaggio e non variati in continuazione secondo lo stato di benessere.

Se le variazioni sono periodiche di creano solo fenomeno di rimbalzo.

Voglio credere che in 8 anni ci siano state variazioni per mancato compenso con altri prodotti perché se ha utilizzato solo questi non va proprio bene.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
Utente
Ne no ho utilizzato solo questi.
Anche un suo collega qua si è mostrato critico sul fatto che non abbia provato altre molecole.

Dovrei insistere a chi mi segue di provare altri farmaci secondo lei?
In 8 anni comunque no ho cambiato.