Utente
buongiorno, ho 29 anni e da circa 10 assumo benzodiazepine per dormire.
Inizialmente i dosaggi che prendevo erano piuttosto importanti, poi ho deciso di iniziare a pianificare una gravidanza, quindi a scalare pian piano le dosi.
Con l'aiuto di una terapeuta per brevi periodi sono anche riuscita a smettere.
Il problema è che non riesco mai ad abbandonarle del tutto, e anche adesso, a momenti alterni, ne assumo dalle 3 alle 6 gocce.
A volte mai.
Non so veramente cosa fare, e ho paura che l'assunzione per un tempo così prolungato abbia danneggiato il mio organismo in maniera permanente.

C'è un professionista specifico a cui posso rivolgermi?

Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Intanto se non specifica cosa e le quantità non si ha un'idea della situazione.
Inoltre, non è che sia difficile pianificare una sospensione e attuarla, ma se c'è un disturbo irrisolto sotto, è chiaro che peggiora e intralcia l'operazione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Al momento prendo tra le 3 e le 8 gocce di rivotril, sono in terapia per un d.o.c., e soffro di fibromialgia, per cui la reumatologa che mi segue ha sempre incoraggiato l'uso di modiche quantità di rivotril per favorire il riposo

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Sembra più una dipendenza psicologica che un utilizzo realmente efficace del prodotto.

La dose è veramente minima.

Si possono fare tentativi con prodotti non farmacologici con un monitoraggio sul sonno se quello è il problema primario.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Innanzitutto mi par di capire che nessuno le abbia detto di sospendere. Le usa come coadiuvante per favorire il riposo o comunque uno dei vantaggi è quello.
Il distacco non è un problema assoluto, ma se l'ansia ossessiva, se si innesca anche per una minima variazione, che sia "vera" o legata ad una aspettativa negativa o indefinita, può indurre una tendenza a non procedere ma a tornare indietro.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno,
La sua analisi dott. Pacini è più che corretta. Mi chiedo quindi come fare per togliere il farmaco. Ho provato con una sospensione graduale, ma non ha funzionato, perché, come ha detto lei, sono tornata indietro al minimo problema. Sono inoltre preoccupata di cosa potrebbe accadere in caso di una gravidanza non pianificata. Immagino sarei costretta ad abortire?
Grazie

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Per la gravidanza, ci sono dati che comunque può discutere coi suoi medici.
Per la sospensione: i medico dice che deve sospenderla, o no ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#8] dopo  
Utente
Si, i medici concordano per una sospensione del farmaco

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In tal caso non è che ci siano particolari difficoltà intrinseche. Quindi secondo me la questione è come è compensato il disturbo di fondo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"