Utente
Buonasera,
Sono una ragazza di 22 anni e da qualche anno a questa parte inizio a sentire come un peso quelli che chiamo piccoli "vuoti di memoria" perché non so bene come classificarli.

Mi succede, e mi capita spesso, di scordarmi i nomi delle persone.
Non intendo i nomi di quelle persone che conosco sul momento, ma di persone che conosco da tempo.

Una delle prime volte in cui mi sono quasi stupita di quello che non riuscivo a ricordare è stato in quinto superiore quando davanti alla professoressa di inglese che conoscevo da due anni, non ricordavo più il suo nome.
Negli anni questa cosa mi è successa sempre più spesso, e ultimamente inizio a sentire questa condizione un po' come un peso poiché mi crea un enorme imbarazzo rendermi conto fra me e me di non ricordare il nome di un conoscente che ho di fronte sul momento e che è intento a conversare con me.
A volte riesco a ricordami presto il nome della persona, altre volte ci metto relativamente un bel po'.

Insieme ai nomi, un'altra cosa che mi accade forse troppo frequentemente è di non riuscire a ricordarmi dei termini o delle parole.
Mi è capitato di non riuscire a farmi venire in mente un determinato termine per descrivere una situazione durante un discorso, e di cercare di ricordare quel termine per decine di giorni.

Per il resto, non ho riscontrato ad oggi altri problemi di memoria, come ad esempio scordarmi appuntamenti o impegni importanti ecc.

Premetto che sono una ragazza piuttosto emotiva, e mi è stato detto che questo può condizionare la mia situazione.

Mi sto preoccupando inutilmente?
Se sì, allora c'è un modo per rimediare a questi miei "vuoti di memoria" che iniziano a recarmi un po' di disagio?
O dovrei fare degli accertamenti?

Ringrazio in anticipo chiunque risponderà.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
L emotività può agire su questi fenomeni provocando le dimenticanze che lamenta.


Se ritiene che la situazione sia fastidiosa dovrebbe primariamente far valutare la condizione ansiosa sottostante.



Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139