Utente
Buongiorno dottori,

Ho già scritto molte volte e vi aggiorno sulla mia terapia psichiatrica sul ansia generalizzata molto grave.
Da quasi 2 mesi sono in cura con il levopraid 25 mg al mattino e 25 mg prima di sera e lo xanax a rilascio prolungato da 1 mg prima di andare a dormire prescritta dal neurologo.
Dopo vari tentativi con ssri e mirzapina che non hanno funzionato lo psichiatra mi ha prescritto il lyrica 75 mg per 4 giorni per poi raddoppiare la dose per arrivare a 150 mg.
Chiedo se per l'effetto di sonnolenza che provoca il lyrica sia passeggero o sia permanente e potrebbe peggiorare nel mio caso con l assunzione dello xanax a rilascio prolungato della sera?
Il lyrica è un buon farmaco e a lunga durata per il trattamento del ansia al pari di un ssri?
E per vedere i benefici quanto tempo devo aspettare??

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Quel farmaco è un'alternativa, tra l'altro indicato specificamente nell'ansia generalizzata come diagnosi.
La sonnolenza che può dare va monitorata, alcune volte recede ed altre no. I due effetti sono indipendenti, quello dello xanax c'è già, quindi ad esso si aggiunge quello del lyrica.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Lo psichiatra mi ha riferito che se nel caso dopo qualche giorno la sonnolenza è fastidiosa (già c'e l'ho in parte per via forse dello xanax) mi potrebbe scalare lo xanax a rilascio prolungato da 1 mg a 0.50?? Potrebbe essere una soluzione giusta o potrebbero arrivare i sintomi d astinenza?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non vedo il senso di chiedersi se può essere una soluzione giusta. E' quello che lo psichiatra ha previsto di fare nel caso.
Ritiene che il suo medico non ci capisca niente nel modulare una cura del genere ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"