Utente
Buongiorno,

soffro di ansia generalizzata con bulimia nervosa

L'ansia limita la mia autonomia e vita sociale, non esco di casa se non per lavoro.
Lo psichiatra mi ha prescritto vari farmaci: antidepressivi, antipsicotici, stabilizzatori.
Li sto continuando a prendere, ma l'ansia è invariata

Mi ha proposto lo Xanax al bisogno, ma lo Xanax passato l'effetto fa stare peggio di prima e bisogna sempre aumentare la dose per avere l'effetto.
Ha senso se l'ansia è generalizzata?


Nella mia vita, anche se sono giovane, ho accumulato una serie di sventure tra malattie croniche e disabilità, lutti, catastrofi naturali, incidenti, aggressioni... Per me la probabilità che queste cose succedano è alta, mi sono successe!

Ha senso curare l'ansia per cose che possono succedere?
È vero che mi fa venire tantissimi disturbi e mi peggiora le abbuffate, però mi tiene più al sicuro, ho meno probabilità che mi succedano di nuovo le stesse cose brutte che mi hanno rovinato la vita o almeno sono più preparata.


Che ne pensate?


Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
la domanda verte su due punti, cioè ha senso lo xanax nell'ansia generalizzata? Finito l'effetto starei peggio di prima e dopo un po' dovrei aumentare il dosaggio, non è come se avessi un'ansia circoscritta e specifica. Ho anche un dubbio dovuto al fatto che la mia ansia si concentra su alcuni temi, su cose che mi sono effettivamente successe e la mia psicoterapista vorrebbe che mi comportassi come se non fossero successe. Si può definire ansia la paura di cose che ti sono successe davvero? Io penso che chi non le ha vissute sottostimi la probabilità che accadano, ad esempio, delle catastrofi naturali. Certo vive meglio, si ammala meno, ma non è più al sicuro.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
L’utilizzo di benzodiazepine non è mai indicato nel our go termine per cui la terapia deve essere mirata, specifica e accreditata per la risoluzione del disturbo.


L’ansia è una risposta per ipotetici eventi ma anche per quelli vissuti per cui il cervello setta il proprio status su una condizione di allarme provocando un disequilibrio costante della distribuzione dei neruotrasmettori nelle varie porzioni delle membrane neuronali.

Più il sintomo permane più peggiora.

Avere avuto certe esperienze non è conseguentemente fenomeno giustificabile per avere sempre ansia (o altro).

Pertanto le terapie hanno lo scopo di trattare la sintomatologia e le intervenire sulle esperienze negative in modo da ricevere un miglioramento consistente.

Più si attende più il disturbo tende a cronicizzare.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#4] dopo  
Utente
Grazie per la risposta
Quali sono le terapie accreditate? Potrei già averne prese alcune, ad esempio lo xanax e l'en li ho già presi, ma lo xanax ogni tanto me lo ripropongono. Mi sembra un po' l'ultima spiaggia.

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#6] dopo  
Utente
Non capisco allora perché ripropormeli, visto che sto già facendo farmaci molto forti. Ne parlerò con il mio psichiatra, c'è qualcosa che non mi torna, non penso non sia al corrente che ci sono altri farmaci indicati, me ne parlano tutti bene