Utente 111XXX
Salve,sono nuova in questo forum,spero che qualcuno possa aiutarmi, cercherò di essere chiara. Sono alcuni mesi che ho dei forti attacchi d'ansia accompagnati da vomito (poche volte solo conati), la cosa più assurda è che mi capitano quasi sempre quando sono con dei ragazzi. Faccio un esempio per essere chiara: Alcuni giorni fa sono uscita con le mie amiche ed ero calma, tranquilla, a metà serata incontriamo tre amici e ci invitano a cena con loro; a questo punto ho cominciato ad agitarmi sempre più, abbiamo ordinato anche se io l'ho dovuto fare perchè avevo lo stomaco pieno fino alla gola per l'ansia. Alla fine non ho mangiato quasi nulla e più volte sono dovuta correre in bagno perchè avevo i conati. Come questo me ne sono capitati tanti altri, il fatto è che se non vi è cibo riesco più o meno a controllarmi. Voglio precisare che non ho problemi alimentari perchè in tutte le altre circostanze mangio normalmente. Ma questo fatto mi porta a rinunciare a determinate cose per non essere ridicola agli occhi degli altri e mi fa stare davvero male. Spero che qualcuno possa indicarmi cosa posso fare per risolvere il mio problema. Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr.ssa Danila Russo

20% attività
0% attualità
8% socialità
REGALBUTO (EN)
VIZZINI (CT)
AVOLA (SR)
SIRACUSA (SR)
SANT'AGATA LI BATTIATI (CT)
ACI CASTELLO (CT)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

dopo aver escluso la presenza di cause di altra natura,
dovrebbe rivolgersi ad uno psichiatra che può meglio inquadrare la sua situazione da un punto di vista diagnostico e formulare il trattamento più adeguato.

Cordiali saluti
Dr.ssa Danila Russo

http://www.danilarusso.it

[#2] dopo  
Utente 111XXX

Grazie mille per l'aiuto!

[#3]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
la sintomatologia che lei descrive sembrerebbe appartenere alla sfera dei disturbi d'ansia. La visita specialistica consentirà il corretto inquadramento e la eventuale diagnosi differenziale con disturbi organici(che tuttavia sembrerebbero improbabili considerata l'associazione dei sintomi alle situazioni sociali).
cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#4] dopo  
Utente 111XXX

Mille Grazie per le risposte!!