Utente
Gentili dottori, ho una figlia di 9 anni e mezzo che frequenta la quinta elementare. E' una bambina tranquilla, un po'timida, riflessiva, brava a scuola, ubbidiente. Da qualche tempo le è venuta una fobia che non so spiegare: invitata a dormire a casa di mia sorella dalla cuginetta,prima ha accettato volentieri, poi è stata la nottata quasi sempre sveglia per andare al bagno. Ieri molti amici di classe sono andati al cinema e lei è voluta andare,poi, sul punto già di entrare, è scoppiata a piangere dicendo di non sentirsi sicura. Abbiamo scoperto poi che la sua paura è quella di dover andare al bagno.Ogni volta prima di uscire va a fare la pipì. ha paura di andare in gita per la paura di dover andare al bagno. Ci sono altri episodi del genere ch è inutile raccontare. Cosa posso fare? grazie

[#1]  
Dr.ssa Roberta Cacioppo

32% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
come avete "scoperto" che la piccola ha paura di andare in bagno? Siete riusciti a comunicare con lei di questa cosa?

Lo chiedo soprattutto per capire in che termini ne avete parlato, e soprattutto lo stato d'animo della bambina.

Dalle informazioni che lei ci ha scritto è molto difficile indicarle qualcosa da fare, se non quello di rassicurare la piccola e cercare di capire se ci siano stati eventi che l'abbiano in qualche modo intimorita. Lei ha individuato come evento importante la notte dalla cuginetta: se fosse così potrebbe essere accaduto che si siano raccontate qualcosa che hanno spaventato sua figlia. A volte tra bambini capita che un gioco arrivi poi a concretizzare le paure profonde, creando quindi qualche problema.

A casa normalmente la piccola richiede la presenza di qualcuno per andre in bagno? Le capita di avere altre paure (di incubi, del buio, etc.)?

Altro non mi sento di aggiungere per ora.

Cordialmente,
Roberta Cacioppo - Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa clinica -
www.psicoterapia-milano.it
www.sessuologia-milano.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottoressa, grazie per la sua risposta.
Il problema esiste da prima dell'episodio della cuginetta, nel senso che in diverse occasioni si è verificato che lei non vuole andare in un posto x, per esempio odia anche viaggiare, perché teme che, se le scappa la pipì, non può farla perchè non c'è un bagno. anche in gita con la scuola, lo scorso anno, capitò questa cosa. e forse per questo non vuole andare neanche al cinema, per paura poi di dover alzarsi durante il film e andare in bagno. quello che vorrei sapare se è una paura limitata solo a quello o è una paura che nasconde altro. grazie

[#3]  
Dr.ssa Cecilia Sighinolfi

24% attività
4% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile signora,
capisco la sua preoccupazione ma purtroppo in questo contesto non è possibile rispondere alla sua domanda, ovvero se questa paura "nasconda" qualcosa di altro o se si tratti di una paura "pura".
Quello che le posso dire è che più si evitano le situazioni o i luoghi, per paura di non riuscire a trovare un bagno e più è possibile che questo contribuisca a mantenere se non a peggiorare la paura stessa. Non confrontandosi con la realtà, infatti, sua figlia non potrà "mettere alla prova" la sua paura verificando che in realtà il bagno lo può trovare. Con questo non intendo però dire che occorra costringere la bambina ad affrontare le situazioni temute. Quello che credo è che considerata la persistenza del problema e per evitare di mettere in atto, in buona fede, comportamenti che potrebbero risultare controproducenti sarebbe opportuno che vi rivolgeste ad un Neuropsichiatra Infantile per una valutaizone più approfondita e per le conseguenti indicazioni sui comportamenti più appropriati.
Un Cordiale Saluto
Dr.ssa Cecilia Sighinolfi
Psicologa e Psicoterapeuta
cecilia_sighinolfi@yahoo.it

[#4] dopo  
Utente
ringrazio per l'attenzione che mi è stata rivolta e auguro buon lavoro ai dottori di medicitalia.

[#5]  
Dr.ssa Cecilia Sighinolfi

24% attività
4% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Di nulla, grazie a lei per averci scritto.
In bocca al lupo.
Dr.ssa Cecilia Sighinolfi
Psicologa e Psicoterapeuta
cecilia_sighinolfi@yahoo.it