Attivo dal 2007 al 2007
Buon giorno..
io ho una storia con un ragazzo da quasi un anno e mezzo, siamo giovani, però consapevoli che il nostro amore è unico, abbiamo avuto parecchie esperienze passate, che fanno soffrire entrambi al solo pensiero di non essere stati assieme anche nel passato.
Parliamo tantissimo e liberamente di ogni nostro pensiero e di ogni nostro malessere, ultimamente però mi rendo conto di diventare sempre più gelosa, una gelosia che va oltre a quella normale sensazione di fastidio.. tendo sempre a litigare con lui, quando esce con i suoi amici perchè è come se mi sentissi messa in disparte..anche se lui cerca di farsi sentire .. penso che questa mia insicurezza derivi da due eventi, un piccolo tradimento metre ci frequentavamo all'inizio e una battuta scherzosa a una ragazza che mi ha però lasicato il segno, e conservo ancora la paura e il timore, che lui possa farlo anche quando non ci sono, di non essere abbastanza bella per lui, che senta il bisogno di cercare qualcun'altra, il timore di non essere all'altezza, lui cerca sempre di rassicurarmi però non funziona.. spesso trattengo il mio malessere diventando molto silenziosa, altre volte esplodo e tendo a colpevolizzarlo..
mi rendo conto che questo atteggiamento non può favorire un rapporto di coppia, e ci tengo davvero che questa storia vada bene, sono orgogliosa e difficilmente ammetto di sbagkliare, xo qui non posso negarlo a me stessa, e vorrei cercare una soluzione per rendere più serena me stessa e questa storia!
ringrazio infinitamente chiunque mi aiuterà!!

[#1]  
Dr.ssa Flavia Ilaria Passoni

24% attività
0% attualità
12% socialità
CARNATE (MB)
ARCORE (MB)
MONTICELLO BRIANZA (LC)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
una certa quota di insicurezza e tendenza all'esclusività è assolutamente comprensibile in una relazone che viene vissuta , forse per prima,come importante e appagante rispetto alle precedenti.
Dalle poche righe che scrivi sembra che la gelosia che provi nei confronti del tuo fidanzato sia condizionata, oltre che da una scarsa fiducia nei suoi confronti, soprattutto ad una certa inadeguatezza vissuta rispetto a te stessa e che pregiudica pertanto la relazione di coppia.
Aspetti che sono ovviamente collegati tra loro: facilmente una incrementata autostima e fiducia in te potrebbe riequilibrare le dinamiche della coppia e gettare le basi per una più solida fiducia reciproca.
Inutile ribadire che la fiducia e la comunicazione sono alle basi di una relazione funzionale in cui vanno cominicati apertamente e adeguatamente le proprie emozioni e timori, "trattenere il tuo malessere" così come scrivi, non può essere che ulteriore motivo di dsagio e incomprensione.
Non fai però menzione di come questa situazione sia vissuta dal tuo fidanzato se con difficoltà e malessere o come ulteriore causa delle ordinarie incomprensioni che è normale che si verifichino in ogni coppia.
Se il disagio dovesse essere percepito maggiormanete o quasi esclusivamente a livello individuale la cosa dovrebbe farti riflettere circa l'opportunità di partire da stessa per sbloccare la situazione.
Se ritieni di aver bisogno di un supporto esterno una consultazione psicologica non potrà che esserti d'aiuto.

Con i migliori auguri
F.I. Passoni

studiopsicologia@hotmail.it
F.I.Passoni
Dir. di SYNESIS, Centro di Consulenza Psicologica, Psicoterapia & Ipnosi Clinica

studiopsicologia@hotmail.it

[#2] dopo  
Attivo dal 2007 al 2007
La ringrazio per la sua risposta, be il mio ragazzo non sta bene, siamo a un punto di continue discussioni, di continue incomprensioni, so bene che tutto ciò deriva da me e parte da me, però lui non riesce a darmi sicurezza e a farmi sentire unica... per quanto lui faccia, io continuo a pensare di non esserlo per lui..è un periodo molto stressante, tanti problemi, preoccupazioni e una discussione dopo l'altra da un mese, a questo si accumula il fatto che ultimamente ci vediamo poco perchè ha molti impegni, e io vengo dopo, anche se continua a dire che sono la sua prorità!
Anche ieri sera sono scoppiata a piangere dicendogli che non riesco più ad andare avanti cosi.. che ho bisogno di serenità, ho bisogno di riuscirmi ad alzare e non cadere di nuovo, come succede perchè si verifica sempre un altro problema, un altro dissapore..
non riesco a capacitarmi di sentrmi cosi lontana da lui, quasi non mi capisce, ma sono consapevole che dipende da me..
io ho avuto un sacco di pensieri ultimamente, credevo di essere incinta e ero piuttosto nervosa, e lui ne ha risentito , soprattutto perchè lo allontanavo, per lo stesso motlivo sopra elencato, xk quando avevo bisogno di lui, non era vicino,o non come ne avevo bisogno..x i suoi impegni..
sono molto giu per questa cosa, non mi riconosco in questa persona cosi gelosa, e cosi insicura, so bene di essere esuberante all'esterno ,ma profondamente molto insicura e timida...il problema quindi sono io, e devo cercare in me la fiducia in me stessa? e il mio ragazzo come puo aiutarmi, ho bisogno di lui ... e vorrei cercare di far star meglio lui, cercando di non colpevolizzarlo.. ma stargli vicino, e aiutarlo ad essere più sereno anche lui.. perchè stiamo andando verso un progressivo allontanamento..
è triste arrivare a pensare di mandare avnti una storia per forza, sappiamo anche che si deve xo cercare una soluzione sempre ai problemi, xk contiamo molto sulla buona riuscita e sulle basi che stiamo costruendo per poi vivere assieme.. ed essere una famiglia

[#3]  
Attivo dal 2006 al 2011
Gentile utente, colpisce davvero la ricchezza di particolari con la quale racconta la sua storia. Da una parte la sua richiesta di vederci maggiormente chiaro è legittima e comprensibile, dall'altra però mi verrebbe da pensare quanto un mezzo come internet sia forse limitato e insufficiente per esplorare per davvero un campo così delicato e vasto come quello delle relazioni.
Dico questo perché da una parte ne riconosco l'utilità e la rapidità, dall'altra manca proprio l'elemento di relazione con la persona in carne ed ossa.
Concordo quindi con la collega quando le suggerisce di vedere se può partire da sé stessa ed eventualmente valutare se sente il bisogno di un supporto di un professionista che vi aiuti capire qualcosa in più di voi come coppia ma anche rispetto a come lei vive e si rapporta con il senso di insicurezza che ha menzionato prima e che ha riconosciuto come una propria caratteristica personale.
Chissà, forse questo percorso potrebbe in seconda battuta anche agire come un elemento facilitatore per costruire ciò che desiderate su basi però più solide e consapevoli.

Con i miei migliori auguri

Dott. Marco Santachiara

[#4]  
Dr.ssa Ilenia Sussarellu

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CREMA (CR)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
dalle sue parole, per altro molto chiare, sembrerebbe che il problema di fondo sia la sua insicurezza. Il mio consiglio è di consultare un collega della sua zona che la aiuti sia a chiarire il perchè di questo problema sia come mai sia emerso proprio in questo momento e successivamente ad impostare un trattamento ad hoc.

La saluto cordialmente

Dr.ssa Ilenia Sussarellu
i.sussarellu@libero.it
Dr.ssa Ilenia Sussarellu, i.sussarellu@libero.it
Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale, Psicologo Cilinico-Forense

[#5]  
Dr. Daniel Bulla

52% attività
16% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
MILANO (MI)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
la gelosia, a dosi non eccessive, fa parte dei normali rapporti di coppia. Nel suo caso sembra avvallata anche da motivi concreti, da piccole sbavature commesse da lui.

Il primo passo è il dialogo tra voi, se Lei non impara fin da ora ad esprimere le proprie perplessità il futuro stesso della coppia potrebbe essere compromesso. Esprimere non significa però aggredire, ma spiegare, spiegare perchè Lei sta male, di cosa ha paura, ecc.

Io partirei da qui, e se non funzionasse, forse a scopo preventivo, effettuerei una visita psicologica

Cordialmente

Daniel Bulla

dbulla@libero.it
Cordialmente

Daniel Bulla