Utente
Salve,

Il mio problema è che faccio sogni brutti (angoscianti davvero) ecc...
Ho provato a seguire delle "tecniche" lette su internet come "l'imporsi" certe cose come "non ricorderò i sogni che farò" ecc...

Potrebbe sembrare una cosa banale, ma i sogni che faccio me li ricordo...quasi tutti, il problema appunto è che sono quasi classificabili come "incubi"

E' come se ci fosse una fase tra, il sognare notturno e il risveglio, dove io ricordo tutti i sogni (anche lunghi) in pochi secondi materiali (secondo me).

Esiste per caso un metodo per evitare ciò?
E' brutto essere schiavi di questi incubi e non potersi ribellare, davvero a volte si pensa di non voler dormire proprio.

Avevo pensato tre cose; la prima potrebbe essere un comando che impongo alla mia mente prima di addormentarmi, la seconda sarebbe quella di riuscire a levare le brutte emozioni dai sogni (perchè se fossero sogni belli non ci sarebbe problema, credo), la terza soluzione che pensai è quella di mettere la sveglia nel momento che io "realizzo" i sogni in modo da "liberarmi".


Distinti saluti

[#1]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Gentile ragazzo, le altre richieste di consulto che ci ha fatto indicano che probabilmente lei è una persona ansiosa. Potrà sembrarle banale, ma per dormire sonni più tranquilli, potrebbe essere necessario risolvere prima la sua ansia, ricevendo le cure del caso.
Le tecniche come quelle che descrive non solo sono troppo faticose, ma rischiano di esacerbare il problema.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile Utente, nel momento in cui Lei dice a se stesso
"non ricorderò i sogni che farò", si sta in realtà ricordando dei sogni che farà.
E' un paradosso della comunicazione, come se io dicessi "non pensiamo ad una rosa rossa"; la prima cosa che viene in mente è l'immagine di una rosa rossa!
Quindi poichè il contenuto dei sogni è anche inquietante per Lei, le suggerisco una consultazione da un terapeuta, col quale co-costruire il significato che questi sogni hanno per Lei.

Saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#3] dopo  
Utente
Salve,

grazie per le vostre risposte, volevo aggiungere che ho avuto un leggero periodo ansioso(adolescenza), in passato, ma ormai riesco a controllare ogni aspetto psicologico della mia ex ansia. Però questi sogni sono rimasti ancora qua...io non voglio interpretarli, voglio solo levarmeli di torno oppure non ricordarli proprio...ad una visita specialistica ci pensai anche io ma sarebbe una terapia troppo lunga e secondo me non porterebbe molti risultati poichè ripeto che sono "aspetti e situazioni" del passato (i sogni che faccio). Se magari conoscete qualche metodo oppure qualcosa che vi suggerisce la vostra esperienza psicologica e che magari mi potrebbe aiutare ne sarei lieto.


Saluti

[#4]  
Dr. Massimo Giusti

40% attività
0% attualità
16% socialità
BAGNO A RIPOLI (FI)
CAMPI BISENZIO (FI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Nella mia esperienza psicologica ho avuto modo di notare come lavorare su certi aspetti della vita onirica conduca a sogni migliori ed a mettere definitivamente nel passato certi episodi.

Non sempre le terapie sono lunghe, un lavoro incentrato su uno specifico argomento e focalizzato su di esso può durare anche relativamente poco. Certamente questo genere di lavoro richiede la disponibilità ad affrontare un percorso, seppur breve, che in qualche misura rimette in contatto con alcune esperienze.

Metodi fai da te credo siano decisamente sconsigliabili, poichè più si sforza di evitare una cosa e più ci pone attenzione, finendo per ritrovarsela sempre davanti.
Dr. Massimo Giusti
www.giustimassimo.it
339.6651355