Utente
Gent.mi Dottori,
sto da 4 anni e mezzo con un ragazzo. Tra le altre cose, da poco ho scoperto anche che nel 2008 (già stavamo insieme da 2 anni) si è iscritto ad una sotra di chat-community e tra le info che si possono leggere sul suo conto, ho notato che tutti i campi (lavoro, istruzione, altezza...) sono stati compilati da lui con info corrette, eccetto un campo: stato sentimentale... In cui ha scritto di esser SINGLE! Il tutto a mia insaputa.

In passato ho scoperto che si è iscritto a vari forum in cui chattava solo con le ragazze, cercando di attaccar bottone. Ovvio che io non ne sapevo nulla.
Una volta davanti a me fece l' indifferente con una sua "cara amica" (per la quale lui mi confessò di aver provato interesse, oltre la "grande amicizia"). Fu freddo con lei e io lo apprezzai. Invece poi scopro che sempre in quello stesso periodo si sentirono tramite una community... E lui le disse di scusarlo per il suo comportamento, per la sua indifferenza, dettata dal fatto che la sua ragazza fosse gelosa. La invitò (per quanto lui mi raccontò) ad evitare di inviargli sms e a fargli squilli, sempre perchè lui era fidanzato con me. Alla mia affermazione "tu dunque la sentivi anche prima, in base a ciò che dici" lui risponde "no, era solo per EVITARE che mi facesse squilli o sms perchè non so se aveva ancora il mio numero".
Capite bene che tutto ciò non sta in piedi.
Si è iscritto a miriadi di forum e chat... Una "mania smodata" di chattare con l' altro sesso, almeno in passato.
Perchè si comporta cosi?!
A voi "l'ardua sentenza"!

[#1]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
MARTINA FRANCA (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile ragazza non si tratta di sentenza ma di venire a patti con il semplice fatto che ognuno è portatore di una sua vita personalissima, un senso di libertà irrinunciabile anche in prossimità di un impegno serio (come quello di una relazione semtimentale). La differenza tra lei e le altre ragazze è che lei lo ha scoperto. Una situazione del genere è più frequente di quanto possa immaginare ma non vuol dire necessariamente infedeltà. Semplicemente la volgia di rapportarsi ad un altro mondo (altre ragazze) indipendentemente dalla prorpia storia sentimentale che, il più delle volte, resta sempre la più importante.
saluti
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#2] dopo  
Utente
Gent.mo Dr De Vincentiis,
grazie per la sua celerità!
Mi pare di aver capito che dovrei "assuefarmi" a simili atteggiamenti solo perchè tutti lo fanno (o comunque la gran parte). Ho letto su questo forum l' articolo relativo alle "Utopie". Mi chiedo allora quale sia la "soluzione": abbandonarle e vivere con la consapevolezza che il partner faccia cose che noi, per ns deontologia, non faremmo?!
Perchè tali atteggiamenti sono riconducibili ad un ragazzo e non ad una ragazza???

[#3]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
MARTINA FRANCA (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile ragazza, bisogna accettare il fatto che il partner ha una visione del mondo che necessariamente non può essere sovrapponibile alla propria. La non accettazione porta al conflitto. Lei ha un atteggiamento che ritiene giusto ma non è giusto aspettarsi da l'altro lo stesso. perchè? perchè la proprie credenze ed i propri miti hanno origini differenti e, come tali, diversi.
saluti
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#4]  
Attivo dal 2011 al 2013
Gentile ragazza,
sono daccordo con la collega,
ma credo che venire a conoscenza di certi aspetti non lasci indifferenti; ora se lei riesce a superare ed accettare ciò va bene, ma qualora le dovesse creare dei dubbi io le consiglierei ad affrontare la cosa direttamente con il suo ragazzo per evitare che dubbi e incertezze possano ricadere sul rapporto.
un caro saluto