Utente
Salve,ho 25 anni e da quando ero bambina, ho l'abitudine, prima di addormentarmi di giocare molto con la fantasia. invento storie per lo più ambientate in epoche lontane, dove sono una principessa oppure una povera contadina che incontra il suo cavaliere che si innamora di lei follemente. il cavaliere ha sempre lo stesso nome "Cristian" ed è cresciuto con me in questi anni. Di solito tendo a ripetere nella mia mente sempre i momenti iniziali dei loro incontri, fino all'innamoramento... raramente le storie si concludono con un matrimonio, poichè tendo a ricominciarle.... Dato che ho una vita sociale normale, con un fidanzato da molti anni, amici, studio e lavoro, volevo capire se alla mia età è normale lavorare ancora così di fantasia, oppure è un modo di evadere la realtà? aggiungo un'ultima cosa: non riesco a "giocare" sempre, ma solo quando sono particolarmente rilassata. Se ho ansie o problemi non ci riesco.
grazie mille per il consulto

[#1]  
Dr. Roberto Callina

40% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Cara ragazza,

direi che non deve preoccuparsi; mi sembra molto cosciente del fatto che si tratta di un gioco (come lei stessa lo definisce).

La fantasia è una qualità psicologica assai utile e, quando non diventa il dominio esclusivo di riferimento, non c'è nulla di male a "giocare" con lei.
Nel suo caso ci parla di una vita sociale appagante; quindi stia serena.

Probabilmente le sue fantasie hanno un anche significato più profondo ma se la fanno stare bene che importa andare a smontarle pezzo per pezzo per comprendere che cosa vogliono dirle?

Un caro saluto
Dr. Roberto Callina - Psicologo Psicoterapeuta Sessuologo
Specialista in psicoterapia dinamica - Milano
www.robertocallina.com

[#2]  
Dr.ssa Emilia Sigillo

20% attività
8% attualità
12% socialità
PESCARA (PE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Gentile ragazza,
bisognerebbe capire cosa rappresentano per te queste fantasie. Ma un consulto online non può assolutamente esserci d'aiuto in questo. Potrebbero essere ad esempio un modo per controllare in maniera più semplice la realtà, per ridurre in forme più agevoli al controllo delle situazioni che per qualche motivo sfuggono al nostro controllo. Si potrebbe poi cercare di capire il simbolismo che si cela dietro le tue fantasie, ma, ripeto, in questa sede non è possibile farlo. Solo con un consulto diretto potresti avere una risposta alle tue domane. In linea generale comunque mi sento di dirti che le fantasie ci sono a tutte le età e quindi non vederle come una cosa "patologica", soprattutto perché sei consapevole che si tratta di un gioco.

Cordiali saluti
Dr.ssa Emilia Sigillo - Psicologa e Psicoterapeuta - PESCARA
Insegnate Massaggio infantile AIMI
Perfezionata in Psicologia perinatale

[#3]  
Dr.ssa Sarah Cervi

24% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
BRACCIANO (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
se sia un modo per evadere la realtà dovrebbe valutarlo lei... c'è qualcosa che pensa le sia "utile" evadere?
Dal suo precedente consulto è ormai passato un anno circa, ma ciò che mi ha colpito è la seguente frase:
<<(...) ho difficoltà in generale ad accettare di aver sbagliato in qualcosa... e di ritrovarmi, adesso, il conto dei miei errori.
Andare da uno specialista vorrebbe dire per me, che ho fallito.(...)>>


Il "conto dei nostri errori" solitamente ci arriva quando evitiamo di soffermarci sulle cose che ci accadono o sulle nostre emozioni per cui, alla fine, queste bussano alla nostra porta prepotentemente.
Le fantasie fanno bene allo spirito a volte, ma a volte possono rappresentare una fuga dalla realtà... valuti lei...

cordialmente,
Sarah Cervi
www.psicologadellosviluppo-roma.blogspot.it
www.comunitalaquiete.blogspot.it

[#4]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Cara Ragazza,
la fantasia assolve a svariate funzioni, consolatorie, compensatorie, fa compagnia, rilassa, fa vagare con la mente ec...
Comprendere il significato di questa sua attività è tra i compiti di uno psicologo, all'interno di uno o più d'uno colloquio clinico.
L'elemento su cui rifletterei è la presenza di quest'uomo, sempre lo stesso e con lo stesso nome, che è cresciuto con lei e le fa compagnia.
Potrebbe avere svariati significati, che da quì però non possono essere esplorati.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it