Attivo dal 2017 al 2019
Gentili Dottori, sto di nuovo curando una depressione reattiva da qualche settimana per via di una ricaduta.
Sono anche seguita da una psicologa \ psicoterapeuta da tre anni e mezzo per via di numerose vicissitudini.
Il problema è il seguente: Sono prossima alle nozze, amo il mio fidanzato e penso che una persona migliore di lui non mi sarebbe mai potuta capitare.
Prima di lui ho avuto altre storie abbastanza tormentate e che terminavano nel giro di pochi mesi anche per colpa del mio carattere difficile.
Ultimamente mi si è infilato in mente il nome di un mio ex del quale sono stata parecchio innamorata ma di cui non mi interessa assolutamente più nulla da anni ormai.
Tra l'altro è una persona che avevo completamente rimosso avendo avuto altre storie dopo di lui.
Il sui nome si è infilato in testa in maniera ossessiva tipo "mantra" e si ripete contro la mia volontà.
Mi tornano in mente flash di questa storia e sto male xke' a me non interessa assolutamente più nulla.
Soffro xke' ho un fidanzato stupendo e mi da un immenso fastidio guardarlo e avere in testa quel nome o il ricordo continuo di quella persona.
La mia psicologa è del parere che si tratti solo di un mio ennesimo tentativo di evitare il presente e soprattutto di non portare a termine un altro progetto di vita (in questo caso il matrimonio) come è già successo in altri casi.
Mi ha consigliato di lasciare scorrere questi pensieri disturbanti perché poi andranno via da soli.
Il trattamento farmacologico che sto seguendo è prettamente per la depressione, ma a fine mese ho il controllo dalla psichiatra e le chiederò se non sia il caso di rivalutare la situazione.
Nel frattempo vi chiedo però di che idea siate voi, perché mi capita questo?
Io con quella persona non tornerei mai, è distante anni luce da me.
Spero in una vostra gentile risposta.

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

credo che la psicologa psicoterapeuta che già La segue potrà pronunciarsi sulla situazione in modo ben più preciso e approfondito rispetto a quanto possa fare io da qui, perchè non La conosco.

Tuttavia, l'ipotesi che mi viene in mente è relativa ad un problema di tipo ansioso/ossessivo, che potrebbe non essere slegato dalla depressione.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Attivo dal 2017 al 2019
Grazie mille per avermi risposto Dott.ssa, lo penso anch'io.
Moralmente grazie alla cura sto meglio rispetto a due settimane fa, ma questo disturbo mi demoralizza molto.
Ne riparlero' con la mia psichiatra, magari potrà prescrivermi un farmaco antiossessivo.
Spero tanto di venirne a capo.
Grazie ancora.