Utente 474XXX
Salve , vorrei chiedervi un parere riguardante mio marito.Dopo anni di lotta precisamente 8 , l anno scorso siamo diventati genitori ma un mese prima è iniziato un altro calvario mio marito è crollato psicologicamente per paura di perdere la nostra bimba in quanto ho avuto una brutta gravidanza e un parto prematuro ma il tutto sembrava essersi risolto dopo la sua nascita. A settembre le cose sono precipitate una notte si è svegliato dicendomi che non mi ha mai amato ha fatto sempre tutto per dovere così come non ha mai voluto nostra figlia ( e solo io so i sacrifici che ha fatto per tutta la gravidanza) dopo quella sera si sono innescati in lui pensieri suicidari , allora siamo andati da un psichiatra su consiglio di una psicoterapeuta ma la situazione è peggiorata ha iniziato a progettarlo e dice che non lo fa solo perché non ha il coraggio intanto lo psichiatra gli ha dato il samyr 400 che non sta avendo nessun effetto, anzi lui continua con questi pensieri brutti io lo so perché gli controllo il telefono e rimango sconvolta ,lui continua a dire che non è depresso che quella notte si è rotto qualcosa si è sentito svuotare e che questi pensieri sono causati dal fatto che non se ne è andato che non ci ama e che non meritiamo ciò ! io sono in crisi non so come comportarmi.....cosa devo fare.........e depressione?ha perso la voglia di fare tutto

[#1] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Dopo 8 anni difficili,
raggiunto l'obiettivo
può essersi manifestato tutto lo stress accumulato nel tempo.
E' quello che di frequente succede dopo anni di P.M.A. (procreazione medicamente assistita) al raggiungimento dell'obiettivo.

Consiglio di consultare urgentemente un altro Psichiatra
sia per una diagnosi (impossibile online)
ma anche per una terapia farmacologica eventuale
più mirata che non quella attuale.

Ed inoltre di continuare (o iniziare) una psicoterapia con uno Psicologo che sia anche Psicoterapeuta però:
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/6285-depressione-psicoterapia-efficace-farmaci-periodo.html .

Comprendo la Sua preoccupazione ed apprensione.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#2] dopo  
Utente 474XXX

La ringrazio per la sua celere risposta, il problema è che lui rifiuta qualunque tipo di aiuto e cura siamo andati dalla psicoterapeuta ed è lei che lo ha mandato dallo psichiatra non vuole iniziare una terapia con lui fin quando lui non si stabilizza con L umore.
Lui non vuole prendere farmacio oltre il samyr anzi ho scoperto che negli ultimi tempi lo prendeva anche a giorni alterni.come devo fare? Ho una bimba piccola da crescere e ho paura di crollare anche io lui è stato sempre il mio pilastro colui che mi ha tirato su nei momenti più brutti e vederlo cambiato mi fa troppo male.
Mi scusi per lo sfogo

[#3] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

è difficile aiutare chi non vuole/o non riesce ad accettare l'aiuto,
come potrà approfondire qui:
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/3768-come-aiutare-chi-non-vuole-essere-aiutato.html ..

Ora è importante che Lei si prenda cura di sè;
ora è arrivato il Suo turno nel fare da "pilastro".
Accade nella coppia che si invertano i ruoli.

Senta il Suo medico di base per sè;

oltre che al nuovo arrivato si dedichi a lui,
ma con delicatezza, con affetto e amore
e senza esigenze o richieste.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia