Utente 525XXX
Sono una ragazza di 23 anni e 11 mesi fa sono stata lasciata dal mio ex, che ne ha 27. Non è stata una di quelle rotture maturate, è avvenuto tutto da un giorno all’ altro. La settimana prima eravamo in vacanza insieme, poi dopo un litigio per telefono lui mi ha detto che non ce la faceva più, che doveva pensare a quello che era meglio per lui e questa pausa è durata un mese e mezzo, un mese e mezzo in cui io passavo le giornate a logorarmi perché non sapevo cosa avrebbe deciso. Il problema erano i miei comportamenti morbosi, ero gelosa quando lui usciva con i suoi amici e nonostante ogni volta cercavamo di parlarne e chiarire poi si riproponevano sempre le stesse discussioni. Provo e ho provato molta vergogna per questo mio sentimento di gelosia, perchè non la riuscivo a controllare è proprio per questo( ormai troppo tardi quando lui mi aveva già lasciato) ho deciso di intraprendere un percorso di psicoterapia per lavorare su questo aspetto. Ad oggi mi sento cresciuta su questo aspetto, ma purtroppo non potuto recuperare con lui, nonostante io c’abbia provato più volte. Lui quando mi ha lasciato sosteneva di amarmi, ma non ce la faceva più, inoltre era in un periodo di cambiamento perché si doveva trasferire. Ad oggi mi trovo in un limbo, cerco di andare avanti, faccio sport, ho interessi, penso alla mia carriera universitaria, ma allo stesso tempo sento di non riuscire ad accettare la cosa, spero ancora in un suo ritorno, sento ancora di amarlo e ho paura di non innamorarmi mai come l’ho fatto per lui. Il nostro amore era un qualcosa di meraviglioso, un qualcosa che la vita ti dona quando vuole farti un regalo e soffro molto al pensiero che è stato sprecato così. Dovrei andare avanti probabilmente, anche perché è l’unica cosa che resta da fare. Ma come si fa realmente a voltare pagina? Non c’è una sola mattina in cui io apra gli occhi e pensi a lui, una sola non c’è. Inoltre siamo rimasti in buoni rapporti, ma lui non vuole assolutamente che si apra l’argomento, dice che gli fa male . So che tutto quello che provo è normale, perchè vuol dire che i miei sentimenti sono stati veri e leali, ma vorrei porre fine a questa sofferenza. È come se mi sforzassi per andare avanti, ma solo a parole, perchè una porzione del mio cuore sarà sempre la sua.

[#1]  
Dr.ssa Valentina Sciubba

28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazza,
penso che per il bene di entrambi dovete cercare di chiarire questa situazione. Sembrerebbe che anche l'ex partner abbia difficoltà ad elaborare l'accaduto, ma negare o nascondere il problema non serve a nulla, complica e peggiora soltanto le cose e i danni possono essere notevoli.

La gelosia morbosa può rovinare una relazione e lei lo ha sperimentato, ma dovrebbe essere abbastanza facile uscirne.

Le consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta e le segnalo l'articolo:
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/2664-le-storie-sentimentali-non-chiuse.html

cordiali saluti
Dr.ssa Valentina Sciubba
Psicologa Psicoterapeuta
Terapia Breve Integrata Consulenze on line
Roma 338 1762781

[#2] dopo  
Utente 525XXX

Grazie della risposta. Anche io ho sempre pensato questa cosa, ma purtroppo non ho modo di chiarire questa situazione. Circa due mesi fa gli ho scritto un messaggio in cui gli dicevo tutto quello che provavo, che lo amavo e che la situazione mi dava ambiguità emotiva, per cui gli chiedevo apertamente di dirmi che non mi amava, che per me era l’unico motivo per andare realmente avanti. La sua risposta è stata di qualche situazione ambigua stai parlando? Ci siamo lasciati quasi un anno fa, non ci sentiamo mai. A me fa piacere sentirti e vederti, ma non per ripetere sempre le stesse cose, non c’è solo il tuo stare bene, ma anche il mio. Quello che fa testo è esserci lasciati il motivo non conta .
Per cui di fronte a questa situazione non me la sento di insistere ancora una volta perché sarebbe inutile, lui alza un muro ed io non posso fare altro che accettarlo. Nonostante questo mi logori, perchè una parte di me ancora crede che lui mi ama. Poi tutto è più difficile, perchè si è trasferito e si è buttato a capofitto nel lavoro( è una persona molto ambiziosa e tiene molto alla carriera)

[#3]  
Dr.ssa Valentina Sciubba

28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Benché la sua reazione sia comprensibile, si potrebbe obiettare alla sua risposta, ma si andrebbe oltre i limiti di un consulto.
Le consiglio sempre di contattare uno psicologo psicoterapeuta.
Dr.ssa Valentina Sciubba
Psicologa Psicoterapeuta
Terapia Breve Integrata Consulenze on line
Roma 338 1762781