Utente cancellato
Salve, è da una vita che diciamo ho questa "capacità" diciamo così.. . Non penso neanche sia un "problema" (fino a un certo punto) di ricordare praticamente dettagli passati della mia vita, per dettagli intendo cose davvero idiote che non dovrebbero neanche essere rilevanti ma anche cose forse interessanti, per la maggior parte delle volte questi ricordi sono diciamo "angoscianti" vi faccio un esempio: in qualsiasi posto mi trovi io ricordo un dettaglio che mi è successo in quel preciso luogo, questo mi porta per lo più nostalgia, diciamo così. Mi è sempre successo, SEMPRE e non ho mai capito il motivo, mi succede ogni giorno, anche a casa, alcune volte anche facendo cose quotidiane mi blocco e penso a vari momenti della mia vita e le sensazioni che ho provato in quei istanti. La mia domanda è: da cosa potrebbe dipendere? Cosa potrebbe essere? Perché mi succede questa cosa? Grazie Ps: desidero non avere risposte del tipo: dovresti parlarne con un esperto, (uno psicologo ad esempio) perché essendoci andato per vari motivi personali che non c'entrano su questo argomento gli ho accennato questo discorso in quel caso poco rilevante e non ci siamo soffermati più di tanto, vorrei invece un semplice parere da voi esperti, grazie in anticipo per eventuali risposte

[#1]  
Dr. Alessio Vellucci

20% attività
20% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2019
Caro Utente,

Quello che ha notato nel suo funzionamento è una semplice espressione della capacità della memoria umana, che immagazzina con più facilità elementi, eventi, particolari, emotivamente carichi. Dunque tornare in luoghi, ad esempio, nei quali abbiamo provato emozioni forti, positive o negative che siano, riattiverà naturalmente il ricordo degli eventi che le hanno accompagnate.
Non ho capito chiaramente la natura di questi "ricordi", perché parla di "angoscia" ma anche di "nostalgia", né fino a che punto lei ritenga ciò "problematico". Finché questi dettagli che la memoria le ripropone non diventano intrusivi o estremamente frequenti, non le provocano sofferenza o pregiudicano la serenità quotidiana, non dovrebbero rappresentare fonte di preoccupazione.

Un caro saluto
Dr. Alessio Vellucci
www.psicoterapiautile.it