Utente
Buongiorno, scrivo qui per un consulto su una questione delicata, di cui sto risentendo parecchio. Il mio ragazzo dichiara di essere attratto da me e di voler fare l'amore, ma non è mai successo e quando chiedo delucidazioni mi viene risposto che un giorno succederà.. . e nel frattempo è passato più di 1 anno.
Per chiarire il quadro generale, stiamo insieme da 1 anno e mezzo, tanta intesa mentale, attrazione fisica e un ottimo scambio di affetto. Lui è più grande di me ed è vergine; io no, ma sa che ho avuto un'unica esperienza poco gratificante. All'inizio ricevevo provocazioni, richieste esplicite e per mesi sono stata illusa con tante parole ma niente nella pratica, se non dei preliminari sporadici per cui non si è fatto problemi. Provo io a fare il passo successivo ma più volte vengo rifiutata nonostante il suo consenso; dopo ancora, finalmente si prova ma interviene l'ansia da prestazione. Si finisce in un periodo di astinenza totale, in cui ho provato ad aprire un dialogo per capire il problema, ma niente. Decido di chiudere la relazione per questo e per altri atteggiamenti infantili, ma dopo poco tentiamo di ricominciare da zero.
La situazione rimane invariata: al massimo ci sono dei preliminari sporadici, io devo frenarmi sempre e quando chiedo se se la sente resta sempre sul vago. Ho provato a proporgli un incontro con un sessuologo, ma non ne vuole sapere. Io sono stremata, i miei impulsi sempre frenati sono diventati un peso e sto finendo col provare sempre meno attrazione fisica per lui.
Un sessuologo può risolvere la situazione? O alla luce di tutto ciò è meglio cambiare partner?
Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

prima di cambiare partner,
se ci si tiene alla relazione
è opportuno effettuare gli opportuni approfondimenti specialistici.

Se non altro per avere una diagnosi.

Si tratterà di disturbo del desiderio?
Di disfunzione erettile? primaria? situazionale? di origine organica o psicogena?
che altro?

Noi qui non possediamo nessun elemento personale - di lui - per poterLa aiutare.

E' lui stesso a dover chiedere aiuto,
e non solamente perché
"Il mio ragazzo non ha mai fatto l amore con me...",
ma perchè non ha mai fatto l'amore, è vergine.
E' una scelta?
C'è un problema? Quale?
E con la masturbazione...?

Consiglio vivamente un consulto psico-sessuologico.

E una visita urologica è mai stata effettuata?

Se lui non sarà disponibile, Lei avrà un elemento in più per trarre le proprie conclusioni.

Cari saluti.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta, dr.ssa Brunialti.
Capisco ci sia bisogno di altri dettagli:
-Non ha problemi con la masturbazione, nè a praticare/ricevere rapporti orali;
-Non ha problemi di disfunzione erettile durante il rapporto orale o la masturbazione, ma è successo più di una volta poco prima della penetrazione. Abbiamo pensato all'ansia da prestazione.
Ho pensato a un calo della libido e ho provato a proporgli qualcosa di nuovo che non riguardasse la penetrazione, ma niente.

Ho chiesto il perché non si arrivasse a fare questo passo, ma è sempre molto contraddittorio: a suo dire vuole farlo, vede in me la persona giusta, vuole un futuro e dei figli addirittura, MA non fa lo stesso il passo avanti.
E ancora: ho ricevuto frasi esplicite che lasciano intendere il desiderio di avere un rapporto completo, ma nella pratica solo baci. Quando va a lui tutti i preliminari sono concessi, quando va a me finisce sempre che devo frenarmi. La vivo male così.
Non riguarda l'orientamento sessuale, né fede religiosa, né il sesso dopo il matrimonio, né un trauma precedente, né il desiderio di un amore platonico... le ho provate tutte.
So che in passato ha ricevuto delle pressioni a livello sessuale da una sua ex per lo stesso motivo, questo mi fa pensare che il problema non sia io.

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
"...questo mi fa pensare che il problema non sia io."

Se non ci si fa curare
si trascinano i problemi da una relazione all'altra,
gli stessi identici problemi.
E piuttosto che affrontarli si taglia la relazione

Rispetto alla domanda che Lei pone nel titolo del Consulto:
"Il mio ragazzo non ha mai fatto l amore con me, un sessuologo ci può aiutare?"
la risposta è "Certamente sì."

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora dottoressa, farò il possibile per convincerlo a prendere un appuntamento, per lui stesso prima che per noi due.

[#5]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Certamente.

In questo caso un approccio di coppia servirebbe a facilitargli un percorso individuale, forse.

Se ritiene,
ci faccia sapere.

Cari saluti.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/